Bentornato al gol, Supermario...

Bentornato al gol, Supermario…

Se non si soffre fino all’ultimo non si è contenti. Nell’anticipo infrasettimanale della quinta giornata di campionato il Milan piega, non senza affanni, l’Udinese, al termine di un incontro pressoché perfetto nei primi 45′ ma con amnesie che potevano costarci carissimo nella ripresa…

Andiamo con ordine: Mihajilovic lascia in panchina Luis Adriano preferendogli Supermario, per la prima volta titolare dal primo minuto; conferma anche per il giovane Calabria, reduce dalla buona prova contro il Palermo. Supermario torna al gol in rossonero al 3′, quando indirizza sotto l’incrocio dei pali alla destra del portiere una splendida punizione. Il colpo di testa al 7′ di Thereau non tragga in inganno: il Milan è padrone assoluto del campo, tanto da raddoppiare al 9′ con Jack, che, sfruttando al meglio un assist di Montolivo, al limite del fuorigioco supera Karzenis con un sinistro angolato…

La partita s’incattivisce un po’ (vengono ammoniti Calabria al 14′ e Balo tre minuti dopo) ma i rossoneri sono in pieno controllo; peccato non avere approfittato di un’ingenuità di Domizzi al 25′, ma la marcatura dell’apparente tranquillità arriva poco prima della fine del primo tempo con uno stacco di testa perentorio di Zapata su corner dalla destra…

Se i primi 45′ potevano indurre a pensare alla “partita perfetta” contro il Manchester United al 2007, poco ci manca che al termine della partita si ricordi piuttosto la finale del 2005 contro il Liverpool. I padroni di casa, quasi come se si fossero svegliati dal torpore del primo tempo, partono a tutta birra accorciando le distanze prima con Badu al 50′ (tiro di prima su cross dalla sinistra) poi con Duvan Zapata al 57′ (assist dalla sinistra, Diego Lopez esce a vuoto e Zapata altro non fa che andare a colpo sicuro)…

La squadra di Colantuono ci crede e si rende ulteriormente minacciosa con due calci d’angolo tra il 61′ ed il 62′; la conclusione al 65′ di Bonaventura sembrerebbe l’inizio di una ripresa ma così non è. Diego Lopez salva in tuffo su Thereau al 69′, smanaccia in corner un minuto dopo e salva nuovamente il risultato con un’uscita all’84’. Il vero miracolo compiuto dal nostro portiere avviene tuttavia in pieno recupero su destro di Fernandes da fuori area. L’espulsione di Domizzi al 91′ ci permette di rifiatare; la partita termina dopo ben 4′ di recupero…

CONSIDERAZIONI:

La squadra paga un calo di concentrazione e si sono avuti problemi con l’uscita di Calabria per Alex nella ripresa; tante buone cose – soprattutto nel primo tempo – che però fanno da contraltare alle solite amnesie. Il risultato premia ma c’è ancora molto da lavorare…