kong_godzilla_pLa giappo-estinzione – Innanzitutto, vorrei iniziare segnalandovi una notizia che mi è capitata sotto gli occhi questa notte: ci sono sempre meno giapponesi. O meglio, il Giappone ha sempre meno abitanti, ma, presumendo che quasi tutti i giapponesi abitino in patria e che i giapponesi di seconda, terza o quarta generazione all’estero siano piuttosto sempre più integrati nel paese che li ha accolti, allora vuol dire che in proporzione alla popolazione mondiale, è sempre meno probabile che ci siano calciatori giapponesi. Io non ho nulla contro gli amici del Sol Levante, uno dei calciatori che ho amato di più è stato Hidetoshi Nakata, ma, come potete immaginare, tra i frequentatori di questo blog c’è chi si rallegrerà di questa notizia. Nel frattempo, il nostro Keisuke Honda resta stabile là, sulla sua fascia destra, e tutta la formazione che ha pareggiato a Napoli pare confermata per la partita casalinga di questa sera contro il Torino: Alessio Romagnoli ha smaltito l’influenza ma probabilmente andrà in panchina, e a centrocampo è confermato quel trattore di Kucka accanto a Bertolacci, in sostituzione, quest’ultimo, dell’unico regista del pianeta che ha il record di palloni conquistati e che poi non sa tanto cosa farsene. Gira ottimismo nell’aria, facciamolo fruttare, anche perché la prossima settimana c’è una delle partite più importanti di questa stagione rossonera: sembra strano a dirsi, ma è Milan-Alessandria.

Gli avversari – Non è il Torino degli ultimi due anni, lo sappiamo, e può darsi che mister Ventura non sia più sulla panchina granata alla fine di questa stagione, con un addio recentemente servito addirittura dai tifosi per mezzo striscione. La coppia di attacco Immobile-Belotti, però, che tra l’altro seguo da vicino per ragioni fantacalcistiche, è da tenere ben d’occhio.

Le altre – Questa è la giornata di due incontri importanti come Fiorentina-Napoli e Juventus-Inter che, se rispetteranno i favori del pronostico, riusciranno a regalarci qualche punto importante nella lotta per l’Europa League e per i play-off di Champions League. In realtà, anche Lazio-Sassuolo sarà un incontro che toglierà punti ai nostri inseguitori più vicini. Considerato che anche nella giornata seguente ci sarà un altro scontro diretto (Roma-Fiorentina), le opportunità che si presentano in queste due giornate non sono da sprecare.

Da seguirePalermo-Bologna, per vedere quanto è bravo Roberto Donadoni.

Da evitareChievo-Genoa.

IL PROGRAMMA DELLA 27a GIORNATA

Sabato 27 febbraio 2016
– ore 18:00: Empoli-Roma
– ore 20:45: Milan-Torino

Domenica 28 febbraio 2016
– ore 12:30: Palermo-Bologna
– ore 15:00: Carpi-Atalanta
– ore 15:00: Chievo-Genoa
– ore 15:00: Sampdoria-Frosinone
– ore 15:00: Udinese-Verona
– ore 20:45: Juventus-Inter

Lunedì 29 febbraio 2016
– ore 19:00: Lazio-Sassuolo
– ore 21:00: Fiorentina-Napoli