E si comincia: in Romania (nello specifico, nella ridente cittadina di Drobeta-Turmu Severin) la prima partita ufficiale della stagione 2017/18, andata del preliminare di Europa League. Un Milan con diversi giocatori della scorsa stagione (Donnarumma, Abate, Niang, Montolivo, Zapata e Bonaventura) e nuovi prospetti (Kessie, Cutrone, Musacchio, Borini, Rodrigueez) affronta il Craiova, compagine allenata da Mangia…

Dopo un forcing da parte degli avversari al 1′, la partita non vive di particolari emozioni per almeno una ventina di minuti. I rumeni si chiudono bene ed i nostri non concludono mai in porta. Il match s’infiamma al 22′, quando Gigione fa una grande parata distendendosi alla propria destra su tiro di Mitrita, praticamente lanciato a rete; a quest’azione il Diavolo risponde con una conclusione poco brillante di Kessie. Il Milan prende fiducia: dopo un corner al 24′, al 26′ Cutrone (in assoluto uno dei migliori stasera), magistralmente servito da Borini, centra l’interno del palo (determinante la deviazione del portiere Calancea)…

Il buon momento continua: al 27′ Kessie fa un assist per Niang che aggancia ma in ritardo e fa anche fallo in attacco, al 35′ Cutrone colpisce di testa su corner (alto sopra la traversa), al 40′ bella azione di Rodriguez con palla in corner (ma non per l’arbitro, che assegna un rinvio da fondo campo al Craiova) e al 42′ Niang, in area, crossa per Jack che fa a sua volta un controcross su cui però non arriva nessuno…

La svolta arriva al 43: punizione per in Milan sulla destra; Ricardo Rodriguez calcia di sinistro e la palla entra in rete senza essere toccata da nessuno. Questo gol segna in via definitiva la partita…

Nella ripresa , soprattutto a partire dal 60′, la squadra inizia a patire una preparazione sicuramente arretrata rispetto ai padroni di casa. Proprio al 60′ Donnarumma esce coi pugni su un corner e per fortuna Mitrita calcia sul fondo. I rossoneri soffrono e puntano su alcune ripartenze. Cutrone si fa notare nell’aria avversaria al 62′ e al 64′ , mentre al 66′ il neo entrato André Silva – che rileva Borini un minuto prima – fa un assist per Cutrone intercettato dalla retroguardia avversaria. Lo stesso Silva, due minuti più tardi, s’impunta con un’azione personale e viene murato da due difensori…

Il rilancio infelice di Gigio al 67′, l’impegno difensivo di Niang al 73′ (che regala un corner al Craiova evitabilissimo) ed il giallo a Kessie al 76′ sono la prova di una squadra che ha ancora bisogno di tempo per poter carburare al meglio. Montella cerca di correre ai ripari con gli ingressi di Conti per Abate al 72′ e di Antonelli per Cutrone all’80’. Musacchio si mette in mostra per ottimi interventi difensivi come quelli all’81’ e all’84’; l’ultimo vero rischio è su un corner all’89’. Dopo tre minuti di recupero (clamoroso il fallo non assegnato al Milan al 92′) il triplice fischio ci regala la prima vittoria stagionale…

CONSIDERAZIONI:

Difficile aspettarsi di più; i cali fisici a 30′ dalla fine ci possono stare. La squadra ha corso un paio di rischi ma ha saputo farsi trovare pronta. Bene tutti, chi più chi meno. Tra i più degli di nota Ricardo Rodriguez, Cutrone, Borini e Musacchio. Ora vediamo di guadagnarci, in un San Siro con già più di 40000 biglietti venduti, l’accesso a quell’Europa che manca da troppo, troppo tempo…