Turno infrasettimanale di campionato: il Milan torna finalmente a vincere. Al Bentegodi i rossoneri piegano il Chievo per 4-1…

Montella schiera una formazione molto simile a quella contro il Genoa, fatta eccezione per Bonucci e Bonaventura rimpiazzati da Calabria e Borini. I nostri ipotecano la vittoria già nei primi 45′: Suso sblocca il risultato al 35′ con uno splendido sinistro sul secondo palo ed imparabile per Sorrentino, mentre il raddoppio arriva 6′ dopo su autorete di testa di Cesar, sempre su cross dello spagnolo. Con l’unica eccezione di una parata in tuffo di Donnarumma su conclusione di Radovanovic al 9′, il Milan non rischia praticamente mai, anche se spesso manca movimento senza palla e c’è mancanza di lucidità. La voglia di fare bene c’è e si può notare un buon impegno, ma ancora manca qualcosa in termini di profondità di manovra e di tiri nello specchio della porta…

Nella ripresa Calhanoglu segna il suo primo gol in rossonero al 54′ trafiggendo Sorrentino e sfruttando nel migliore dei modi un pregevole assist di Kessie. Lo stesso Kessie è però purtroppo anche responsabile dell’errore che permette all’ex rossonero Birsa di accorciare le distanze al 60′; poco male, a chiudere definitivamente i giochi ci pensa Kalinic –  servito a dovere e non in fuorigioco – al 63′. Nella ripresa vengono fatti entrare Locatelli per Biglia (non bene l’argentino stasera) al 67′, Montolivo per Suso al 72′ e André Silva per Kalinic all’80’. L’ultimo brivido offertoci dal Chievo è la traversa centrata da Tomovic al 75′. All’88’ da segnalare un contrasto di gioco tra Calabria e Gobbi, con il nostro giocatore uscito in barella…

La speranza è che questa vittoria ci dia morale; ora resta da capire se questa squadra sia in grado di giocarsela con le più forti; la partita contro la Juve sarà emblematica in questo senso…