Dopo la goleada contro l’Austria Vienna si ritorna al digiuno e alla sterilità in campionato. Il Milan non va oltre lo 0-0 contro il Torino nell’incontro disputato oggi alle 15 a San Siro…

Montella schiera in campo dal primo minuto Kalinic affiancato da André Silva. Suso, Bonaventura, Montolivo e Zapata tra i titolari; assente Borini, infortunato. Nel primo tempo il Milan mostra anche un buon possesso palla cui però fa da contraltare la scarsità di azioni da gol; se poi le poche palle gol vengono sciupate in maniera assurda come quella capitata sui piedi del nostro attaccante croato al 4′, allora siamo a posto…

Fatta eccezione per un gol annullato al Toro per tocco con il braccio dell’ex interista Obi al 18′, non si rischia praticamente nulla. Le palle gol migliori per i nostri capitano al 9′ (punizione su cui Sirigu salva in angolo), al 22′ (André Silva in scivolata su cross di Zapata), al 26′ (tiro di Bonucci deviato dalla difesa avversaria in corner) e al 41′ (Kalinicic conquista un buon pallone ma sbaglia l’assist al centro per la nostra punta portoghese, ininfluente la bordata di Suso sul fondo)…

Nella ripresa, i rossoneri partano a razzo e già al 46′ impegnano l’estremo difensore granata prima con Suso poi con il capitano. Il Diavolo ha un buon momento fino al 51′ (assist troppo lungo di Silva per Kessie al 50′ e progressione di Bonucci che colpisce l’esterno della rete, almeno due giocatori liberi a centro area), soffre all’incirca fino al 60′ e ritorna pericoloso al 66′ (doppio salvataggio di Sirigu su Bonucci e sul croato) e un minuto dopo con un siluro di Suso (Sirigu in tuffo)…

I minuti passano: dopo un’occasione per Kalinic (azione però fermata per offside) al 70′, allo stesso minuto Montella cerca di dare linfa alla manovra con un primo cambio, Calhanoglu per Jack, con quest’ultimo che non la prende per nulla bene. A questo cambio segue quello Cutrone per Kalinic; il croato, pesantemente fischiato, risponde con un applauso che, almeno per me, NON è in alcun modo polemico. Cutrone ci tenta al 78′, ma la verità è che si rischia verso i minuti finali, soprattutto all’85’ quando Gigio blinda il risultato con ben due parate. Gli ultimi sussulti rossoneri sono in pieno recupero (tiro a giro di Calhanoglu al 91′ e gol annullato a Cutrone per fuorigioco di Bonucci)…