Se la finale strapersa di Coppa Italia mi ha profondamente deluso, oggi mi sento soltanto di essere incazzato, e tanto…

Il Milan pareggia per 1-1 a Bergamo contro una diretta pretendente ad un posto in Europa League, facendosi rimontare nei minuti finali. I nostri partono con Biglia ed Abate titolari e Kalinic unica punta. Dopo circa 5′ il Milan inizia a costruire qualcosa con una conclusione centrale di Suso al 6′ e due corner tra il 7′ ed il 10′. La partita è fortemente condizionata da una pioggia fittissima e diversi sono i disimpegni sbagliati da una parte e dall’altra. La partita s’incattivisce e ci sono varie ammonizioni; per il Milan si beccano il giallo prima Abate e poi Kalinic. Dopo un buon momento degli orobici tra il 34′ ed il 40′ (da segnalare la doppia conclusione dell’Atalanta murata in entrambi i casi da Rodríguez) i rossoneri rispondono con un paio di punizioni negli ultimissimi minuti del primo tempo…

La ripresa si apre con un brivido al 51′ con una conclusione di Cristante; dal corner che ne scaturisce Gigio respinge ed è incredibile come Caldara, praticamente solo davanti al portiere, calci fuori. Il buon momento dei padroni di casa continua al 55′ sempre con Cristante che calcia fuori (Ricardo Rodríguez salva un pallone uscente ma lo regala ai nerazzurri). Proprio durante quello che è il momento migliore per la squadra di Gasperini il Milan passa in vantaggio con Kessie al 59′ (Kessie fa un tacco per Montolivo, Toloi spazza via ma il pallone finisce ancora sui piedi del nostro e atalantino, che calcia da fuori area un diagonale imprendibile). La partita sembra andare sul velluto con l’espulsione proprio di Toloi al 63′, peccato che il Milan non ne approfitti e che la superiorità numerica non si percepisca proprio per nulla; anzi, per non farci mancare nulla Montolivo si fa espellere al 74′ (per quanto forse eccessiva). L’Atalanta ci crede e pareggia al 91′ con Masiello, anche se in realtà si dovrebbe parlare di un Donnarumma che si porta il pallone dentro la porta…

Finisce con un pareggio che lascia l’amaro in bocca; l’Europa League è garantita ma ancira si dovrà capire se per il Milan ci saranno i turni preliminari oppure l’accesso diretto ai gironi…

CONSIDERAZIONI:

Basta con una squadra che non sa segnare, basta con atteggiamenti remissivi, basta con Montolivo, Abate e Donnarumma…