Non comincia nel migliore dei modi l’esordio in campionato per il Milan (Milan-Genoa della prima di campionato, lo ricordiamo, è stata posticipata per i gravi fatti di Genova). In vantaggio di ben due gol, il Milan si fa raggiungere e superare per 2-3…

Il Milan scende in campo con Higuain, mentre Caldara parte dalla panchina. Il Milan parte attento e concentrato; la partita è abbastanza equilibrata ma i rossoneri spezzano il risultato al 14′ con Bonaventura, che calcia in porta con una sforbiciata di prima sfruttando al meglio l’assist di testa dalla sinistra di Borini. Il Napoli cerca di reagire; è vero che ci sono alcune amnesie da parte dei nostri (Biglia, Kessie e anche Donnarumma) ma la difesa regge. Di fatto, nei primi 45′ il Napoli tira nello specchio della porta solo due volte (al 4′ con Allan ed in pieno recupero al 47′ con Milik)…

I giochi sembrerebbero fatti al 48′: nelle battute iniziali della ripresa il Diavolo raddoppia con Calabria, che conclude di prima finalizzando l’assist in scivolata di Suso. Purtroppo la squadra non sa gestire il risultato e già al 52′ i partenopei accorciano le distanze con Zielinski, autore di un rasoterra di sinistro a ridosso della linea d’area rossonera su cui Gigio non può nulla. Il Milan non fa nulla per cercare di vincere e i padroni di casa, dopo un tiro di Insigne al 54′ a fil di palo, pareggia al 66′ ancora con Zielinski, stavolta con un destro da fuori area. La reazione del Milan si limita ad una conclusione oscena di Higuain all’85’ e ad una girata smorzata sempre del Pipita due minuti dopo. Impalpabili gli ingressi di Bakayoko e Laxalt, anche se quest’ultimo si mette in mostra con una buona progressione e per il cross per l’occasione di Higuain di cui sopra all’85…

Finisce così una serata da dimenticare…

CONSIDERAZIONI:

Non sai gestire un risultato positivo (peraltro maturato sugli UNICI tiri in porta in tutta la partita), ti viene strizza nel momento in cui il Napoli segna e, di lì in avanti, non fai nulla per vincere e non mostri neppure più quel carattere che, bene o male, avevi messo per almeno 50′ (non che siano mancate vaccate varie da parte di alcuni dei nostri, precisiamolo). Cosa vuole fare questa squadra? Cercare di vivere di rendita senza avere un gioco da imporre? Il mio Milan è differente, sappiatelo…