Ho seguito attentamente la conferenza stampa di Schwazer. Ho provato una tristezza infinita. Per lui, per il ragazzo. Perché ho compreso le sue ragioni, o una parte di esse. Perché immagino che allenarsi come è costretto a fare un atleta ...