Kakà occupa un posto importantissimo nella storia del Milan berlusconiano. Perché è stato un campione, sì, non c'è dubbio,  non il più grande campione militante in "quel" Milan (secondo me Sheva è stato più forte, Clarence più decisivo anche se ...