SALA D’ATTESA – Round 1. Ottavi di finale

Nyon, ore 12.00. Vanno in scena i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League e dei sedicesimi di finale di Europa League.
In questo post ci occuperemo dei possibili sfidanti del nostro Milan, dando un occhio “LIVE” anche alla sorte delle altre compagini nazionali, sia quelle di Champions League che di Europa League.
Vediamo i possibili accoppiamenti:

I possibili rivali delle italiane in champions..ci dev'essere un errore..

Il Milan, da secondo del girone, può trovare:

– Real Madrid: dato come assioma che il Barcellona è la squadra più forte d’Europa e non la possiamo incontrare prima di eventuali quarti di finale, il Real viene subito dopo. La seconda forza della competizione, l’anno scorso è stata eliminata proprio dal Barcellona in semifinale.
Girone: 6 vittorie, 19 gol fatti e solo 2 subiti.
Punti forti: la rosa, l’allenatore, lo stadio
Punti deboli: mi viene in mente solo il complesso d’inferiorità nei confronti del Barcellona
Pericolosità: MOLTO ELEVATA
Giudizio Finale: DA EVITARE!

Bayern Monaco: analizzato due post fa, arriva agli ottavi da vincente del girone con Napoli, City e (un disastroso) Villareal. Avversario temibile, ma alla portata, anche se molto dipenderà da chi avranno a disposizione loro.
Girone: 4 vittorie, un pari e 1 sconfitta nell’ultimo turno contro il City
Punti forti: l’attacco al completo
Punti deboli: la difesa, gli infortuni
Pericolosità: MEDIA
Giudizio Finale: FIFTY FIFTY

Chelsea: andamento altalenante, ma molto sotto le aspettative degli addetti ai lavori, dei tifosi e soprattutto della società. Campagna acquisti non a livello degli sceicchi né del primo Abramovich, ha avuto il gioiello in Villas Boas (15 mln al Porto), che però ancora non brilla come dovrebbe. A 90′ dalla fine era ancora a rischio qualificazione, i risultati dell’ultima giornata la lanciano al primo posto, eliminando il Valencia che era a pari punti.
Girone: 3 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta.
Punti forti: gruppo che si conosce, tanta esperienza internazionale, individualità interessanti
Punti deboli: manca ancora un gioco di squadra, condizione attuale scadente
Pericolosità: MEDIA
Giudizio Finale: FIFTY FIFTY

Arsenal: la banda di ragazzini terribili, quest’anno senza il capitano storico Cesc, tornato nella sua catalogna in un acceso mercato estivo, si affida al nuovo capitano, quel Robin Van Persie tornato devastante dopo l’infortunio (15 gol in 15 gare di Premier).
Girone: 3 vittorie, 2 pareggi, 1 sconfitta nell’ultimo turno
Punti forti: corsa, gioco collaudato, un altro po’ di esperienza rispetto all’anno scorso
Punti deboli: squadra bella ma incompleta.
Pericolosità: MEDIA
Giudizio Finale: 60-40

Benfica: la sorpresa. In un girone che doveva essere una passeggiata per il Manchester United, passano Benfica e Basilea, quest’ultimo proprio grazie alla vittoria dell’ultima giornata contro i Red Devils. Ha fatto un buon mercato con il possibile Mr. X Witsel e altri buoni giocatori come Garay..ma anche Eduardo :)
Girone: 3 vittorie, 3 pareggi
Punti forti: buona esperienza internazionale, anche se spesso su livelli minori
Punti deboli: manca un vero e proprio “fenomeno” in squadra.
Pericolosità: MEDIO- BASSA
Giudizio Finale: 70-30

Apoel: squadra outsider dell’anno. In un girone di livello medio-basso, riesce a far fuori il Porto del mini-triplete (o quel che ne resta) e tenere a bada lo Zenit di Spalletti. Sono, col Benfica, i più abbordabili. È un bene o si rischiano cali di concentrazione?
Girone: 2 vittorie, 3 pareggi, 1 sconfitta
Punti forti: buon gioco, entusiasmo, la bolgia di Tel Aviv
Punti deboli: squadra con scarsa esperienza internazionale.
Pericolosità: MEDIO- BASSA
Giudizio Finale: 70-30

Situazione simile l’ha il Napoli, con un Bayern Monaco in meno ma un Barcellona in più. Auguro al presidente che diceva “ora Real o Apoel non fa differenza” di trovare proprio le Merengues (e venire da loro rullati e asfaltati).

Va sicuramente meglio all’Inter, classificata come prima, in un girone tutto sommato scarso, che può trovare: Leverkusen, Zenit, Marsiglia, Lione o Basilea. Ma anche in questo caso, le carte da qui a febbraio potrebbe cambiare completamente, per via di un differente stato di forma, di gioco e del mercato di riparazione di gennaio.

Pronostici? non mi azzardo, vado solo di speranze.
MILAN – Seghineria Apoel
NAPOLI – Real Madrid
INTER – Marsiglia

Vi lascio nell’attesa…in fondo, è tutta una questione di ravanamento di palle…
AGGIORNAMENTO:

Le Date
MILAN – ARSENAL, Mercoledì 15 febbraio 2012, ore 20.45 allo Stadio San Siro.
ARSENAL – MILAN, Martedì 6 marzo 2012, ore 20.45, all’Emirates Stadium.