La conclusione della sosta settembrina per la Nazionale porta via l’ultimo briciolo d’Estate che ci era rimasto.
Piano piano ricomincia per tutti la solita routine tra scuola, lavoro e poco tempo libero. Nonostante tutto era anche ora e sicuramente l’inizio vero e proprio del Campionato (la scorsa giornata era solo un piccolo antipasto) ci aiuterà a superare questo periodo di ambientamento.

Il nostro Milan va a Parma per sfidare la compagine emiliana ingiustamente privata della partecipazione alla Europa League.
I rossoneri si presenteranno al Tardini sull’onda lunga della buona prestazione offerta contro la Lazio a San Siro e per questo penso che la squadra verrà in gran parte rinconfermata.
L’unico vero e proprio dubbio sarà Torres. Vedremo il nino dal primo minuto? Sinceramente credo di sì ma è ancora troppo presto per sbilanciarsi in probabili formazioni.

Quello che mi interessa è l’atteggiamento della squadra.
Lo dico subito, mi aspettavo cose molto diverse da Inzaghi alla prima. Pippo è stato invece umile, ha messo da parte il “bel giuoco” e ha capito che con il materiale umano a disposizione la strategia migliore è difendersi bene e ripartire ancora meglio.
Sarà un atteggiamento da provinciale ma credo sia l’unico atteggiamento che potrà portare la nostra squadra a vincere molte partite. Come si sa poi le vittorie portano altre vittorie e di conseguenza buon uomore e tutti felici.

Assai particolare potrebbe essere l’introduzione, nel 4-3-3, di Torres.
Lo spagnolo non è esattamente un giocatore da ripartenze e potrebbe trovarsi leggermente spaesato nel nuovo Milan di Mister Inzaghi.
Si dovrà sicuramente cercare più spinta sugli esterni, per avere sempre il De Sciglio visto in Nazionale ci metterei la firma col sangue, e cercare anche di verticalizzare un pò meno. Sarà possibile? Speriamo di sì.
I risultati dei test atletici dicono che lo spagnolo è in ottima forma e in un campionato scarsamente competitivo come la nostra serie A potrebbe fare anche discretamente bene. Sfortuna vuole che l’abbia preso Betis al fantacalcio di Screwdrivers, ergo si romperà gravemente al primo minuto di gioco. (si scherza)

Il centrocampo dovrebbe rimanere lo stesso con Muntari, Poli e De Jong. Stessa cosa per la difesa e il portiere dove finalmente ci siamo liberati del “paletto di Abbiategrasso”.

Le mie previsioni per questo campionato sono modeste. La squadra è in quel limbo esistente dietro Juventus e Roma, comprendente Napoli, Lazio, Inter e Fiorentina. A seconda di numerose variabili, impronosticabili al momento, si potrebbe arrivare terzi come ottavi.
Il problema, per il calcio italiano s’intende, è che questo livellamento generale non si è avverato perchè le provinciali sono diventate grandi, ma perchè le due milanesi sono diventate di colpo provinciali. Di lusso, ma pur sempre provinciali.