Inutile nasconderlo, partita deludente. E lo sarebbe stata anche in caso di vittoria, per il gioco lento, noioso, e per l’atteggiamento della squadra, nervoso e indisponente. Ovviamente il risultato ha reso la serata ancora peggiore, visto che il Napoli ha ormai preso il volo e dietro ci sono diverse squadre a soffiarci sul collo per agguantare gli altri tre posti Champions rimasti a disposizione. Un brutto Milan, insomma.

Intendiamoci, nonostante tutto il Milan ha creato diverse occasioni, molte delle quali fallite per un soffio, un po’ per la bravura del portiere avversario e soprattutto per propria dabbenaggine. Ma la spinta rossonera non è mai stata continua, tambureggiante come avrebbe dovuto essere contro una avversaria così scarsa — poiché così è, con tutto il rispetto per i grigiorossi.  E’ vero che la Cremonese aveva piazzato undici uomini a difesa della propria area di rigore ed era difficile trovare spazi, ma non si è visto assolutamente nulla di ciò che servirebbe in queste situazioni, ovvero movimenti senza palla, rapidità, determinazione. Ho visto anche, come ho scritto sopra, molto nervosismo. Suppongo che il Napoli c’entri molto da questo punto di vista: sta volando, è fortunato (il rigore sblocca risultato concessogli ieri è stato un regalone, in una gara che si stava complicando come la nostra). E’ molto probabile che questo stato di cose sia un problema per i nostri ragazzi.

Il migliore è stato per distacco Messias, senz’altro il più intraprendente, ordinato e pericoloso. Mi sono piaciuti anche Diaz e Thiaw.  Il peggiore per distacco è stato Rebic. Origi è andato un po’ meglio del croato, gli è stato annullato un gol per fuorigioco e uno gli è stato negato da una prodezza in uscita del portiere, ma non mi ha comunque soddisfatto. Tutti gli altri, compresi Tonali e Bennacer, poco incisivi, confusionari e, lo ripeto ancora, nervosi. Eccetto il giovanissimo Lazetic che si è prodotto in una bella azione in area conclusasi con un sinistro impreciso, i subentrati non hanno dato nulla, infatti nel secondo tempo abbiamo fatto anche peggio rispetto al primo. Concludo con De Ketelaere,  inguardabile,  e Leao,  quasi inguardabile.

L’arbitro Antonio Rapuano , forse perché poco esperto, è stato troppo in mezzo ai maroni durante le nostre azioni d’attacco, ma non ha arbitrato male.

Pioli non molto on fire. Quando una squadra entra in campo con quell’atteggiamento, mantenendolo poi fino al novantaseiesimo, qualche colpa l’allenatore ce l’ha. Inoltre i cambi, secondo me, sono avvenuti troppo in ritardo. Mi è piaciuto soltanto che finalmente abbia provato Thiaw dal primo minuto e inserito Lazetic alla fine, ma è obbiettivamente troppo poco.