Nell’ultimo turno del girone di Champions League il Milan pareggia per 2-2 contro i cechi del Viktoria Plzen, pareggio che non cambia nulla ai rossoneri ma che vale il terzo posto con conseguente accesso all’Europa League ai padroni di casa

Partita gradevole e divertente, con diversi svarioni difensivi da una parte e dall’altra e continui ribaltamenti di fronte: il Viktoria fa qualcosa di più nei primissimi minuti (davvero bello un destro in semirovesciata al 16′), ma i nostri sembrano prendere bene le misure agli avversari nei minuti successivi.

Mexes altalenante, Pato e Robinho ispirati e molto affiatati ed il giovane difensore De Sciglio propositivo; tante le seconde linee schierate da Allegri (Amelia, Bonera, Taiwo, Emanuelson), centrocampo con Clarenzio, Ambro e Nocerino ed attacco samba

Diverse le incursioni in area del Plzen da parte di Seedorf, Robinho, Pato e De Sciglio; la partita si sblocca al 47′ grazie al Papero e, dopo solo un minuto, ecco il raddoppio di Binho, che arriva dopo una serie di passaggi laterali con Pato (l’azione parte da un rinvio dalla nostra area)…

La partita si fa molto palpitante soprattutto nella ripresa: Pato stampa la palla sul palo al 55′, ma è il Plzen a raggiungere il pareggio. Al 56′ i cechi segnano un gol annullato per fuorigioco, ma le marcature arriveranno prima al 89′ con Bystron e poi in pieno recupero con Duris al 93′.

CONSIDERAZIONI:

Milan samba ma anche Milan bamba; niente di male, per carità, dopotutto non ci stavamo giocando nulla, peccato però per una vittoria che si poteva tranquillamente portare a casa con un briciolo d’attenzione in più. Molto bene Pato, Robinho sa anche segnare evitando, una volta tanto, giocate alla Calloni, troppe ingenuità in difesa…

Adesso il Bologna, prima di capire chi ci capiterà agli ottavi