La stagione 2012-13 del Milan comincia oggi con il raduno a Milanello, ovvero in quel di Carnago come tradizione. Quest’anno è proprio una ripresa in sordina, tra colpi low-cost, impoverimento della rosa che poteva essere ancora più tragico del previsto, nessun sogno su eventuali grossi colpi di mercato e poche illusioni su quella che sarà l’avventura europea della stagione che verrà, auspicando comunque una serie A da protagonisti.

E’ un ritrovo abbastanza mesto poichè oggi non saranno presenti i nazionali e i brasiliani: inoltre anche la partecipazione del Presidente onorario è in dubbio. Leggo che non dovrebbe esserci nemmeno sua figlia Barbara, e questo sarebbe a mio parere una cosa grave in quanto verrebbe a mancare quel segnale di vicinanza, almeno apparente, della proprietà che ci aspetteremmo in frangenti di difficoltà come questi, visto anche l’entrata della stessa nei quadri dirigenziali; toccherà quindi a Galliani presumibilmente fare l’anfitrione e sciorinare, as usual, in sede di conferenza stampa tutti i suoi classici di repertorio. Insomma una tristezza infinita.

Ad oggi, la nostra rosa è composta da:

Portieri: Abbiati, Amelia, Gabriel;

Difensori: Abate, Acerbi, Antonini, Bonera, De Sciglio, Mexès, Mesbah, Silva, Taiwo, Vilà, Yepes;

Centrocampisti: Ambrosini, Boateng, Constant, Emanuelson, Flamini, Montolivo, Muntari, Nocerino, Strasser, Traorè;

Attaccanti: Cassano, El Shaarawy, Ibrahimovic, Pato, Robinho.

Taiwo e Mesbah molto probabilmente si accaseranno altrove; detto che per il terzo portiere avrei preferito un uomo sul fine carriera perchè un ragazzo di 18 anni sarebbe più giusto potesse giocare con continuità, il gruppo dei centrocampisti a mio avviso oltre a essere carente di un centrale di personalità, è veramente modesto tecnicamente. Nei 26 anni di presidenza Berlusconi (cit.) mai abbiamo avuto una simile mediocrità. Voglio continuare a pensare e sperare che al 31 agosto le scelte non restino queste, anche se Galliani si difende sostenendo che numericamente siamo a posto così. Effettivamente su questo concetto è difficile dargli torto, però non era proprio possibile trovare di meglio, ad esempio non ripescando Flamini? Dei terzini ormai abbiamo discusso all’infinito, davanti invece vedo una situazione fluida con Robinho che a mio parere a fronte di una offerta giusta sarà destinato a salutarci. D’altronde per sperare in un acquisto importante in mezzo qualcuno bisognerà cedere giacchè la proprietà ritiene di adempiere al suo ruolo unicamente in sede di ripianamento del bilancio.

Non prevedo simili folle oggi

Dopo questo raduno raccogliticcio e i primi 15 gg di preparazione, la squadra si appresterà a partire per la ormai quasi periodica tournèe danarosa americana, dal 26 luglio all’8 agosto. La stagione comunque si annuncerà difficoltosa poichè la preparazione di coloro che si aggregheranno a scaglioni risulterà quantomeno frammentata: mi domando se era il caso di sostenere un impegno così intenso essendo reduci da una stagione zeppa di infortuni. Ma se fossimo restati a casa il mancato cachet avrebbe aggravato la perdita ecomica d’esercizio e quindi giocoforza è un male necessario. Curioso che sul sito ufficiale non compaia ancora invece la data del Trofeo Berlusconi.