Montolivo. Molti tifosi italiani (e rossoneri) hanno salutato con gaudio l’infortunio di Montolivo. Dai più è giudicato un calciatore mediocre, lento e sopravvalutato (oltre che indegno di indossare la fascia di capitano del Milan per motivi che onestamente mi sfuggono). Trovo sia un’analisi frettolosa dell’atleta e del giocatore. Certo, Montolivo non è il miglior Pirlo, nè lontanamente lo ricorda, ma dispone di molte altre caratteristiche che fanno di lui uno dei primi cinque centrocampisti italiani. Ho visto il fastidio negli occhi di Prandelli al momento dell’incidente. Il pubblico può non amarlo, ma gli uomini di campo ne comprendono l’importanza. Auguro a Montolivo un pronto recupero, sia per sè, sia per il Milan. Alla nazionale mancherà, pur non escludendo la possibilità che Verratti (se schierato con continuità) disputi un grandissimo Mondiale, poichè i numeri ci sono tutti.

Insigne. Mi lascia perplesso la scelta di Insigne in luogo di Rossi o Destro. Non posso avanzare critiche circa l’esclusione di Rossi, in quanto solo lo staff ha una reale idea dello stato di salute fisica e mentale dell’attaccante italo-americano. Nutro dubbi sulla rinuncia a Destro. In una competizione che si gioca anche sulla lucidità degli ultimi minuti , un attaccante abituato a fare gol come Destro, trovo sia preferibile ad Insigne. Ciò anche in ragione della presenza di Cerci, Candreva, Cassano e Balotelli, ossia tutti uomini capaci di giocare come seconda o terza punta. La sensazione è che i minuti di Insigne al mondiale possano essere ZERO, con la speranza di sbagliare pronostico in favore del ragazzo.

Si viene… Michael Agazzi (03.07.1984). Sono rimasto talmente colpito dall’acquisizione di Agazzi, da essermene dimenticato sia settimana scorsa, sia nella prima stesura di questo post. Il ragazzo bergamasco è sicuramente un generoso e onesto portiere, ma nutro seri dubbi sulle sue reali possibilità di costruirsi un futuro al Milan. Nella sostanza sostituirà Marco Amelia, con buona pace di Gabriel, di cui ancora oggi fatico a capire il valore e l’utilità. In ogni caso, benvenuto in questo disastrato Milan.

Si va… [casella vuota].

Consigli per gli acquisti. Caner Erkin (04.10.1988). Negli ultimi anni, il Milan ha spesso preso grandi granchi nell’amato mercato dei parametro zero. Pur nella nostra incapacità, questo “mondo” può offrire calciatori interessanti. Uno di questi è Caner Erkin, terzino sinistro turco titolare del Fenerbahce. E’ un giocatore solido e di buon rendimento. Abile in fase offensiva, produce diversi assist, grazie ad un buon calcio e una discreta precisione nei cross. E’ stato accostato all’ Inter e, sicuramente, non rimarrà in Turchia. Peggio di Emanuelson non è. Un tentativo lo farei.