44′ Antonelli.

Continua il momento positivo e incameriamo tre punti importanti per la corsa europea. Vittoria alla fine meritata anche se gli ultimi 20 minuti sono stati via via sempre più faticosi con la squadra che ormai pensava solo a difendersi; ma la difesa ha tenuto benissimo soprattutto con Alex che svettava su ogni testa.

E’ stata una partita fisicamente molto intensa da parte nostra, soprattutto nel primo tempo: inizio aggressivo nostro ma la prima occasione è del Toro al 5′ con Belotti ben chiuso da Zapata al momento del tiro. Segue una fase di pressione costante del Milan ma i granata tengono bene botta pronti a ripartire. La prima grossa nostra occasione è di Honda su punizione al 26′ che centra la traversa.
Subito dopo Immobile è pericolosissimo in contropiede ma si mangia un gol; poco prima Donnarumma ha salvato in uscita in tuffo e successivo colpo di reni rischiando molto.
Pochi minuti dopo è bacca a sciupare una buona occasione in area. Stiamo alzando la pressione e infatti prima è Bonaventura a impegnare Padelli in tuffo poi al 42′ un inserimento prepotente di Kucka viene fermato fallosamente. La punizione che scaturisce ci consente di guadagnare un angolo e sugli sviluppi in area Antonelli è bravo ad anticipare tutti in scivolata e fare gol poco prima dello scadere. Il vantaggio è assolutamente meritato.

Si riparte col Toro che prova ad essere più propositivo ma è Bonaventura al 57′ che in contropiede sfiora il raddoppio. Annotiamo un gol annullato giustamente a Bacca per fuorigioco al 60′ e da qui in avanti piano piano cediamo campo. Entra Boateng al 70′ per un Niang molto confusionario ma Prince riesce a essere più inutile del francese, continuando a dare l’impressione di essere ormai un ex-giocatore.

Grande occasione granata al 71′ con un bel tiro di Immobile sventato magistralmente da Donnarumma. Chiudiamo la gara col Toro che attacca ormai con 4 punte in campo, al limite dell’assedio ma in fondo senza costrutto in quanto Gigione non è mai sollecitato.

Positivi Kucka, migliore in campo, 2 stelle; Zapata ancora attento (con Alex ma premio il colombiano) due stelle come anche Donnarumma. E’ lampante che si è funzionato meglio dietro: pessima la prova di Bacca, tre bidoni, Niang un bidone come pure Boateng. Male anche Bertolacci che davanti non si è mai palesato.

Sinisa pollice su anche se storco il naso per la gestione della squadra nella ripresa con cambi tardivi e, per Boateng, scelti male.

Aggiornamento Stelle&Bidoni del 25/02/16

S&B 250216