Ripartire da qui.

Ripartire da qui.

Ripartire. Questo è il verbo che dobbiamo associare oggi al Milan. Ripartire per non fermarsi e perdere il treno europeo, oltre che sicurezza e morale. Arrivare alla pausa invernale con una classifica simile a questa sarebbe importantissimo. Non nascondo che dopo i risultati di Giovedì, i due punti che abbiamo lasciato domenica scorsa mi fanno ancora più incavolare. Avremmo giocato male, il pareggio sarà stato meritato, ma chissenefrega, questi sono riusciti a perdere due e dico DUE volte con l’Hapoel Beer Sheva, una in casa e una in trasferta facendosi rimontare 2 gol di vantaggio. Proprio per questo dobbiamo ripartire. Fare 3 punti a Empoli, in un campo ostico, perché i toscani segneranno poco, ma subiscono anche poco, e con le squadre che si chiudono noi soffriamo non poco. Mancherà Bacca, che da quando è al Milan questa è la prima partita che salta, giocherà Lapadula, che ha la grande occasione di mettersi in mostra. Romagnoli dovrebbe essere recuperato, ma difficilmente verrà rischiato oggi contro l’Empoli, meglio far giocare ancora Gomez, che così acquisisce sicurezza accanto a Paletta e poi riaverlo al 100%, anche perché prima di Natale abbiamo una Supercoppa da giocare.

Gli avversari: L’Empoli come detto subisce pochi gol per la classifica che ha. Dopo 13 giornate ne ha subiti 17, esattamente come noi, che siamo terzi in classifica. Per intenderci il Cagliari che ha 6 punti in più ha subito 30 gol, e il Torino di Sinisa 29. La differenza la fa il reparto offensivo, quello dei sardi ha prodotto 20 reti, quello granata ben 29, quello dei toscani…. 6, di cui 4 in una sola gara, contro il Pescara che in classifica è messo al pari dei toscani. Queste sono partite da vincere per poter puntare in alto, certamente la vittoria con la Juve fa morale, ma i punti si fanno soprattutto con le piccole, e un pareggio o peggio, una sconfitta oggi sarebbero deleteri per il morale.

Oh no...

Oh no…

Le altre: Alle 18:00 a Torino, i granata di Mihajlovic sfidano il Chievo, che fino adesso ha fatto un buon campionato, potrebbe venir fuori una bella partita. Mentre la Roma non dovrebbe avere problemi in casa col Pescara, forse la Juve farà un po’ più fatica a Genova sponda rossoblu, ma alla fine porterà a casa i tre punti. Da seguire Bologna-Atalanta, con i nerazzurri che vogliono continuare a sognare l’Europa. Palermo-Lazio e Crotone-Sampdoria le vedo scontate per le squadre in trasferta. Due partite da seguire invece ci sono lunedì, quando alle 19:00 il Napoli ospita la favol…ops… il Sassuolo eliminato dall’Europa League e in crisi in campionato e alle 21 a San Siro l’Inter cerca il riscatto con la Fiorentina dopo l’uscita dall’Europa. Una vittoria interista vorrebbe dire sorpasso sui viola, una sconfitta potrebbe farli scivolare invece oltre il decimo posto.

Da evitare: Empoli-Milan (ebbene sì, faremo fatica e prevedo tanti insulti e pochi gol)
Da seguire: Bologna-Atalanta
IL PROGRAMMA DELLA 13a GIORNATA

Sabato 26 novembre 2016

– ore 18:00: Torino-Chievo Verona
– ore 20:45: Empoli-Milan

Domenica 27 novembre 2016

– ore 12:30: Palermo-Lazio
– ore 15:00: Bologna-Atalanta
– ore 15:00: Cagliari-Udinese
– ore 15:00: Crotone-Sampdoria
– ore 15:00: Genoa-Juventus
– ore 20:45: Roma-Pescara

Lunedì 28 Novembre 2016

– ore 19:00: Napoli-Sassuolo
– ore 21:00: Inter-Fiorentina