37 3 minuti 3 mesi

Quinta giornata Champions League 2023-2024 – Gruppo F

Milano, martedì 28 novembre 2023 – ore 21,00 – Stadio San Siro

Quinta e decisiva partita per la qualificazione agli ottavi. A noi serve solo la vittoria a meno di risultato diverso dalla vittoria del PSG nell’altra partita, ma poi si deve assolutamente vincere in Inghilterra la prossima e ultima del girone e sperare che l’altra partita non finisca in pareggio per evitare di ricorrere alla differenza reti, confronti diretti ecc.

Si dovrebbe ripetere la grande partita fatta con il PSG, ma mancherà un pezzo fondamentale di quella partita come Leao. Ci sarà almeno Giroud che ha saltato la sfida di sabato con i Viola e salterà anche la prossima col Frosinone.

Rode e molto a ripensare alle prime due partite del girone, due partite che sulla carta strameritavamo di vincere, ma se non la si butta dentro rimane solo il rammarico e due 0-0 buoni solo per gli annali. Certo che avere almeno due punti in più oggi sarebbe stato una grande cosa! Invece così dovremmo fare almeno 4 punti.

Nella partita di andata già ai primi minuti due occasioni con Pobega e soprattutto la colossale occasione sprecata da Giroud. Tanto per non essere da meno, nella ripresa anche Pulisic si divora una grossa occasione davanti al portiere dopo un ottima combinazione Musah-Leao tirando addosso all’estremo difensore.

Al minuto 86 Chukwueze prima si accentra e cerca il sinistro a giro ma la palla ed esce di poco, poi dopo pochi secondi messo davanti la porta da Leao cincischia controllando male e tirando addosso al portiere e sulla respinta Reijndeers  riesce a tirare ma la palla esce ancora di pochissimo.

La partita sarà visibile in chiaro su Canale 5, anche contro il PSG fu trasmesso sul canale principe di Mediaset…

Speriamo anche che la “musichetta” faccia il miracolo di far svegliare i nostri così come accaduto lo scorso 7 novembre.

_____________________

IL PROGRAMMA DELLA 5ª GIORNATA – Gruppo F

Martedì 28 novembre 2023:

ore 21,00 – PSG-Newcastle

ore 21,00 – Milan-Borussia D.

37 commenti su “Presentazione Milan-Borussia Dortmund

  1. Discepoli Adorati, ho avuto un incubo, in nottata, roba da psicoanalisi. È sconvolgente, da rovinare la giornata. Può essere contagioso. Quindi devo raccontarvelo, Discepoli. Ho sognato che era giovedì 30, che il Milan aveva perso in casa contro il Borussia, che il PSG aveva vinto col Newcastle e che quindi il Milan era matematicamente fuori dagli ottavi. Il COACH era stato appena esonerato, assieme a tutto il suo staff. E fin qui direte: “sì, va bene, triste essere fuori dalla Champions, ma è prevedibile, dove sarebbe l’ incubo?”. E qui viene la parte tremenda. Seguivo l’ annuncio del nuovo allenatore: un illustre sconosciuto, preso con quadriennale a pochi spiccioli, che i nostri dirigenti seguivano da mesi. Un allenatore di una Primavera della Serie B francese, anche lui francese, non ricordo assolutamente il nome. Preso da una squadra della Ligue 2. Che cosa tremenda, Discepoli. Mi sono svegliato tutto sudato, non riuscivo a respirare. Terribile. Non ci sono parole.

  2. Nico la sera guardati qualche film di Scarlett o di Charlize, vedrai che sudi, ma di piacere…

    1
  3. Il deserto su questo blog descrive molto bene il momento del Milan e dei milanisti.
    Per me oggi è stata una giornata di merda… vediamo come si conclude questa sera.

  4. Intanto, i ragazzi della primavera battono 4-1 i pari età del Dortmund e si classificano matematicamente primi nel girone, andando direttamente agli ottavi. Complimenti a Abate e ai ragazzi!!!

    1
  5. Giustiziere, perché scrivere se ci sono pregiudizi
    Almeno per me e’ così

  6. Era importantissimo pareggiare nel primo tempo. Ora nella ripresa Oliviero si farà perdonare.
    Finalmente una partita alla Chukweze. Lo dicevo io che bisognava portare pazienza.

  7. La pazienza è abbondantemente finita. Anche a San Siro. Prima, sull’1-1, si sentivano solo i crucchi.

  8. Ma tanto Pioli ce lo teniamo fino alla fine del campionato. Purtroppo si è capito da tempo e a noi tocca sorbirci questo schifo per altri 6 mesi

  9. Giustiziere, perché scrivere se ci sono pregiudizi
    Non sono pregiudizi, è quella consapevolezza della quale tu non ne vuoi sapere. Io speravo che un miracolo, un Milan formato CL, mi cambiasse alla fine una giornata che personalmente è stata veramente brutta. Sull’1-1 ci ho anche creduto, ma poi come sempre la realtà delle cose ti ributta sotto. La realtà Jtura, la realtà, perché l’ennesimo degli ennesimi infortuni di Thiaw era una cosa ampiamente prevedibile e poi il loro vantaggio e stata la più logica delle conseguenze. Con chi giochi adesso in difesa? La nostra rosa ha subito un olocausto e quello che fa rabbia è che non ne risponde nessuno. Lo sai che la società aveva chiesto a Pioli di poter cambiare preparatori e lui si è opposto? La cocciutaggine è uno dei difetti peggiori perché segno di poca umiltà.
    Chissà se il padrone dell’uccelletto rosso si è reso conto che così va poco lontano.

  10. Giustiziere, lascia stare
    Sento solo giudizi e commenti di fenomeni
    Esaltati per bonucci e higuain e bravi a parlare dopo
    Non ho intenzione di andare avanti

    Grazie di tutto e arrivederci

  11. Stai a sentire. Se lo vuoi sapere io era a San Siro la sera di Milan-Rosenborg, se te la ricordi. E non c’era il soul-out. Tifo Milan da prima che Cesare alzasse la prima Coppa dei Campioni. Potrai capire quanto me ne frega se mi dai dell’esaltato.
    Buon viaggio.

  12. Il film che si ripete a scadenza quasi settimanale da gennaio continua, in campo e fuori dal campo. L’importante è che rimanga lui, l’unica nostra certezza, Il Coach 😀

  13. Che dire… o non dico o mi ripeto stancamente, rimarco la solita costante, anzi ora sono due le costanti:
    Prima, il gioco sempre quello, squadra sbilanciata in avanti ma che non riesce quasi mai a portare a conclusioni frutto di veloci azioni offensive della squadra, ma è anche questa sera un goal su invenzione personale (l’unica) di Chuk, per poi rischiare e prendere goal perché sbilanciati, io sono convinto che questa sera a sinistra ci fosse stato Leao invece che Pulisic noi si vinceva per il semplice motivo che Leao qualche cosa di SUO avrebbe inventato, non certo per un miglio gioco offensivo.
    Seconda costante: gli infortuni…. E a sto punto non possiamo dire che sono casuali o dovuti a sfortuna

  14. p.s. Siamo fuori dalla Champions (e meglio arrivare ultimi che terzi) ma se continuiamo a giocare in questo modo nelle quattro non ci arriviamo, oltretutto, certo mia opinione, ma ormai mi sento di dire che dei tanti nuovi acquisti alla fin fine personalmente non vedo gran che, a destra non mi sembra che ci sia molto di più dei due dello scorso anno (si Chuk questa sera qualcosina) e Perisic a mio avviso si a volt un buon giocatore ma non certo un fuoriclasse

  15. Il migliore degli acquisti Loftus – Cheek, ma non scordiamoci che è venuto da noi solo perché si infortuna spesso. Ieri sera completafuori forma.
    Ho già scritto ieri sera e ripeto, qua non cambierà nulla e ci aspettano 6 mesi, come rossoneri, di merda tra sconfitte del cazzo ed infortuni del cazzo.

  16. Si infortuna Kijaer e non ritorna più, va be’, sarà un caso, ha tipo 120 anni.
    Si infortuna il portiere, DUE VOLTE, sta fuori mesi e torna in forma sì, ma come un tortello ripieno, va be’ questa è sfiga, la Nazionale francese è una sciagura, poi Mike probabilmente ci mette del suo esagerando i carichi, li hai visti i video in palestra?!
    Si infortuna Leao, ma si sa, quello è mezzo rapper chissà come si allena, guarda qua come è svogliato nel riscaldamento?!
    Loftus? Pulisic? Ma quelli son mezzi rotti di loro, è messo in preventivo nel contratto…
    Theo, che era il miglior laterale del campionato col secondo che arrivava quinto, si è ridotto a fare il compitino da sufficienza scarsa, e pure lui è in forma come l’Omino Michelin? Eh ma Theo è così, è inaffidabile, di cosa ti stupisci?!
    Alla fine si spaccano pure Pellegrino dopo 60 minuti giocati, Kalulu e Thiaw che hanno a malapena 40 anni in due?
    Anche il tifoso più trinariciuto allora si arrende all’evidenza e “viene colto da un leggerissimo sospetto…!”, ma per carità, Cardinale e Furlano continuino pure a dormire il sonno beato dei giusti!

    Che poi, ce lo ricordiamo l’inverno passato a schierare Calabria a centrocampo per mancanza di alternative? Del ritorno col Man Udt giocato con Castillejo unica punta?
    L’ecatombe è una costante del Coach, semplicemente gli anni scorsi la squadra era unita e affamata, e si esaltava superando di slancio le difficoltà del percorso perchè il percorso di crescita costante era evidente e tutti, giocatori in primis.
    Da gennaio scorso invece, il percorso è concluso, il ciclo è finito! Siamo in pieno declino e lo vede chiunque, e i Nostri infatti crollano al primo ostacolo come un castello di carte.

    Spero che la Caporetto sportiva di ieri sera abbia conseguenze, perchè Stadioni prima della partita aveva dichiarato “decisivo” il passaggio del turno, e invece abbiamo buttato sia gli ottavi, sia il Mondiale prossimo venturo, e sono decine di milioni che sfumano. Se in Società non interessano i risultati sportivi, almeno che interessino le pugnalate al borsellino…

  17. Direi perfetta la disamina fatta da fre.

    Se in Società non interessano i risultati sportivi, almeno che interessino le pugnalate al borsellino
    Certo che interessano, ma credo che andranno avanti così come hanno sempre fatto. Magari arriverà un allenatore nuovo, ma non sarà uno di provata esperienza, si cercherà uno promettente e con poche pretese. La squadra andrà ampiamente rifatta, incassando soldoni da chi si può incassare e cercando sempre belle promesse a prezzi molto contenuti. Siamo diventati un’Udinese o un’Atalanta di turno forse con meno esperienza di loro e con alla dirigenza nessuno che capisca veramente di calcio e mercato.

    Mi dispiace per la polemica con jtura, però ha cominciato lui e credo che comunque il problema sia suo. Nessuno riesce ad accettare la situazione nella quali ci troviamo, ma non si può continuamente ripetere che tutto va bene madama la marchesa perchè ho un amore incondizionato verso questi colori. Arriva il momento che, proprio per l’amore che porti, esplode la delusione, la rabbia e la contestazione.

  18. Mi ero dimenticato che giochiamo con Mirante prima riserva perchè si è spaccato pure Sportiello.

    Io sono in parte d’accordo con Jtura: questa rosa ha un valore innegabile, diciamo medio-alto, ha dimostrato di essere capace di raggiungere traguardi importanti. E il periodo è senza dubbio sfortunato, probabilmente i giudizi sono più duri di quanto si dovrebbe. Chissà, qualche battito d’ali di farfalla qua e là e forse staremmo discutendo di altro, delle prospettive di Ciuciueze o di chicchessia al caldo degli ottavi e a ridosso dell’Inter.
    Ma il disastro che si sta compiendo sotto i nostri occhi è innegabile.

    Per lo storico di infortuni che si porta dietro, evidentemente il Coach è della categoria dei Sacchi, Conte e dei Mourinho, cioè allenatori a breve scadenza. “Spremono” una squadra fino a quando non scatta il rigetto. Il Nostro magari non è un martello come gli altri citati, ma di sicuro ha spremuto i giocatori fino al limite fisico e oltre, l’infermeria di Milanello è lì a dimostrarlo.
    Grave non averlo capito per tempo; gravissimo rinnovarlo, e peggio ancora! confermarlo. Promuoverlo al termine della passata stagione è stato un errore fatale, a cui bisogna rimediare il prima possibile.
    Stiamo ripetendo in piccolo proprio la fine del periodo di Sacchi, lui in delirio di onnipotenza che pensava di aver insegnato a giocare a calcio a Gullit e Van Basten, e dall’altro lato i giocatori che non volevano vederlo più neppure in foto.
    Fu sufficiente silurare l’Arrigo per un Capello “qualsiasi” e la squadra – che si pensava finita – ritornò magicamente a girare come un orologio. (Purtroppo noi ci trasciniamo la mancanza grave di un Desailly davanti alla difesa da quando è stato lasciato andar via Kessiè).

    Ripeto, venne esonerato senza problemi Sacchi perchè il suo ciclo – uno dei migliori cicli calcistici in assoluto della Storia – era evidentemente finito. E non si può cacciare il Coach perchè si compromette la stagione? Più compromessa di così? Io non mi capacito.

  19. Pioli andava mandato via a giugno e ho sempre trovato inspiegabile la sua conferma dopo che era stato azzerato tutto il management sportivo (Maldini e Massara) e societario (Gazidis).
    Il cambio di allenatore ora risolverebbe poco perchè i danni atletici ci sono e la frittata è fatta, inoltre leggendo la lista dei tecnici liberi ho i brividi di freddo.
    Ricordiamoci di una cosa: nonostante tutto siamo più vicini al 1° posto che al 5°, quindi ci sono i presupposti per chiudere la stagione in modo dignitoso, qualificarsi alla prossima Champions e poi trovare una nuova guida tecnica che sappia far fare alla squadra quel salto di mentalità che Pioli non ha saputo fare.

  20. Io mi sono letteralmente rotto i coglioni di questa società di merda che non prende nessun provvedimento.
    Se avevamo ADL Pioli era già bello che fuori da gennaio scorso!
    Vengo accusato di previsioni funeste o di avere sbalzi d’umore. Ma chi tifoso sviscerato del Milan non ne ha?
    È chiaro che mi sono esaltato della partita con il PSG all’inverosimile per subito ricadere in “depressione sportiva” la partita dopo contro il Lecce.
    Ora leggo che Thiaw starà fuori almeno due mesi. Evito di dire quello che penso per evitare nuove accuse.
    Va a finire che il problema di questo Milan sono io…

  21. Va a finire che il problema di questo Milan sono io…
    A lume di naso siamo in due…
    Anche se effettivamente cacciarlo adesso mi sa che è peggio. Però non può continuare ad arroccarsi dietro un’ostinazione perversa e a questo punto folle.

  22. Anche se effettivamente cacciarlo adesso mi sa che è peggio
    Potrebbe essere peggio, ma potrebbe essere anche no!
    Ci sono ancora 6 mesi e 6 mesi con questo “non” gioco, con tutti gli infortuni che ci sono ad ogni partita, come ci arriviamo a maggio?
    Poi può essere anche che a dicembre cambi il vento…

  23. beh, dopo ieri sera c’è ben poco da dire.
    Non so se è meglio subito o fra un mese cambiare staff e Tecnico, ma la questione infortuni è diventata il vero problema del Milan, più del sistema di gioco o dei problemi di tenuta mentale.
    Mi sembra evidente che ostinarsi a nascondere ciò che puntualmente avviene ogni anno in questi periodi, quest’anno peraltro con grande abbondanza, deve avere una soluzione che arrivi dall’alto.
    Nulla è più giustificabile, una decisione va presa e in fretta perché tempo a disposizione non ce n’è più.
    Le strade, a mio parere, sono due: continuare con Pioli fino a fine stagione, non sapendo come finirà, e poi salutarlo con il rischio di perdere ancora giocatori e con un mercato invernale che ha grossi punti di domanda su quanti giocatori vanno presi per riuscire ad assettare una rosa da mandare a giocare o cambiare al più presto, con un allenatore che accetti fino a giugno, e con una mercato invernale che va comunque fatto per rimpiazzare tutti gli infortunati.
    Personalmente sono più per la seconda ipotesi dato che l’esito della prima è molto più rischioso visto l’andazzo.
    Serve dare una scossa, forte, tangibile, perentoria, efficace.

  24. fre,
    stai facendo un ragionamento, senza emettere sentenze, slogan e annessi commenti infantili e isterici e e quindi se permetti mi inserisco, anzche scusa con un po’ di sfogo
    —————————————————————————————————————————————

    E’ chiaro che solo uno stupido potrebbe ignorare il numero di infortuni che si è venuto a creare.
    Quindi o si pensa che la società e la dirigenza siano composti da stupidi o c’è qualcosa di diverso da valutare. “valutare” implica l’uso di neuroni diversi da quelli che servono per strillare, e fare isterie.

    Io ho cercato di portare argomenti e fatti di discussione. Ho indicato quanto gli infortuni colpiscano il Milan da 20 anni, con continuità: da Ancelotti a Pioli: quasi 15 anni.
    Ho indicato quanto questo sia esteso ad altre squadre, sia in Europa che in Italia.

    Il Milan è sicuramente al vertice di questo iceberg ma l’iceberg è bello grande

    Mi è stato risposto che questo non importa; Che di questi dati non interessa e si è sostenuto – senza alcun elemento di sostegno – che l’unica cosa evidente è che la colpa è sicuramente dello staff di Pioli. Ripeto senza alcun elemento di sostegno e senza alcuna competenza, che io sappia.

    Nessuno, nemmeno sulla stampa “specializzata” è capace di fare valutazioni. Un po’ come dire che se un aereo precipita è colpa del pilota, senza sapere nulla di aereodinamica, ingegneria, motoristica….

    La cosa non mi stupisce in realtà in un paese tradizionalmente culla di Poeti, santi, navigatori, Commissari tecnici, poi virologhi, costituzionalisti, esperti relazioni internazionali, storia delle relazioni arabo israeliane, Ucraina- Russia, climatologi … essere esperti nella e della preparazione altetica è quasi scontato.

    Si è portato come grande esempio di efficienza il licenziamento del responsabile sanitario del Real Madrid: peccato che due giorni dopo Cavaminga si sia rotto un legamento, Kruinc sia fuori per problemi muscolari e idem, sembra Ibrahim. Deve essere sempre colpa del precedente responsabile.

    Non capisco quindi come si fa a sostenere che Pioli sia un massacratore alla Sacchi, Conte e Mourinho, visto non slo che questo problema attanaglia praticamente tutte le squadre di vertice in modo più o meno marcato, ma che Pioli sia accettato in modo molto differente dai giocatori rispetto a Sacchi e Conte. Per quanato riguarda Mourinho, da tempo complice di Pioli nella produzione di infortunati, ricordo che nell’anno del triplete ebbe pocchissimi infortuni. Poi deve avere cambiato religione.
    Pensare che , per esempio, che il campionato Francese sia meno probante fisicamente o che fare un girone di CL contro squadre poco più che discrete ( vedi Celtic, Braga, …) consente un dispendio di energie inferiore, o iniziare il campionato senza avere 2/3 partite psicoficamente gravi con continuità deve essere un pensiero osceno.

    Noi – mi sembra un dato di fatto – abbiamo avuto un settembre ottobre composto quasi unicamente da impegni gravosi, spesso con l’abbinamento partita difficile + CL e magari con – come mi sono lamentato – anticipi discutibili.

    Quello che io contesto è semplicemente il cercare ( e trovare ) un facile capro espiatorio su cui gettare le proprie frustrazioni.
    Da mesi qui leggo unicamente linciaggi nei confronti si squadra, allenatore e giocatori.
    Sembra ci sia un rigurgito di Elliotout, Kessie merda, Chalanoglu merda, Pioli perdente… dove vogliamo andare con Benaccer retrocesso con l’Empoli.
    Tutte validissime considerazioni sostenute da argomentazioni degne di Kant, Platone e compagnia cantante.

    Ho preso per i fondelli gli interisti e Moratti per 30 anni sulla loro isterica ignoranza calcistica non ho intenzione di imitarli

    Lo stesso dicasi per il gioco, sempre criticato: se non è troppo offensivo o troppo difensivo, allora è semplicemete mediocre.
    Io purtroppo non ho il “vostro” palato fine e non riesco ad apprezzare gli esempi del bel gioco proposto dai vostri maestri come Allegri, Inzaghi, Mourinho, ..o Conte, ridicolizzato da Pioli 10 mesi fa. perdonatemi ma tra le prime 10 squadre del campionato il gioco del Milan per me è il migliore, insieme a Bologna e un po’ Atalanta.
    Comunque se oltre a lamentarvi faceste un esempio di questo gioco e dei loro insegnanti potrei capire i vostri gusti e elevarmi un po’.

    Quindii, dato per scontato che trovo che non abbiate – in generale – un desiderio di fare un confronto, ragionare, riflettere ma unicamente una esigenza di sfogare una propria frustrazione: grazie anche no.

    fare l’interista, ripeto, anche no, grazie

    Per 10 anni abbiamo visto l’Europa degli altri e adesso fatte sceneggiate da onore tradito per un periodo oggettivamente difficile ma in cui altrettanto oggettivamente abbiamo dilapidato 4 punti in due partite: Vi meritate Bonucci Higuain, Piontek a 40 milioni e presidenti come Pallotta

    Per quanto riguarda ieri: da agosto so che questo è il girone più difficile della CL. E’ praticamente al livello di tre anni fa. So da agosto che avremmo potuto arrivare primi ma anche arrivare ultimi. Non capisco la “vostra” sorpresa. Ancora meno capisco l’indignazione quando sembra di vivere in una versione pratica della legge di Murphy: se qualcosa può andare male andrà sicuramente male..

    I ragazzi hanno fatto una buona partita, purtroppo sono mancati nei momenti cruciali e diventa difficile rimanere ottimisti e determinati quando si sente che la jella ti insegue.

    Dicesi per me jella/sfortuna quello di cui non so dare spiegazione ma che ti prende a sberloni e come ho già detto in momenti come questo si sta calmi, si tiene saldo il timone e si porta la nave in porto.

  25. Io ormai sono per l’esonero perchè mi sembra che la squadra abbia bisogno proprio di un taglio netto col passato e col Coach, per liberarsi anche mentalmente e poter ripartire. Attorno a Milanello c’è proprio un clima funereo, bisogna spalancare le finestre e fare entrare aria nuova.
    I giocatori avrebbero anche meno alibi.

    Le notizie su Thiaw ci dicono che fino a gennaio avremo disponibile il solo Tomori: per arrivare a schierare undici giocatori di ruolo saremo costretti a usare i Primavera. Allora tanto vale traghettare con Abate, perlomeno fino alla pausa invernale.

    Se poi Cardinale invece volesse portarci chessò un Zidane, che è libero, mica obietterei.

  26. Zullida

    vedi che dico bene?

    Se avevamo ADL Pioli era già bello che fuori da gennaio scorso

    non devi andare fino a ADL… se avevamo Moratti di Allenatori ne avremmo già cambiati 4/5

    pensa se devo sentire esaltare ADL …

    roba da matti

  27. Certo Jtura. Ho nominato ADL perché il primo che mi è venuto in mente e la prima del “nuovo” Napoli è stata più che buona andando a vincere a bergamo. Poi magari ne perdono 12 di fila, ma questo oggi non lo possiamo sapere

  28. jtura, ho letto il tuo commento.
    Comprendo e difendo il diritto di esprimere opinioni differenti dagli altri ma nulla e nessuno ti autorizza a dare definizioni e giudizi così offensivi solo perché c’è chi la pensa diversamente da te.

  29. Quindi secondo te, Jtura, dovrebbe parlare di calcio e dintorni soltanto chi ne ha le competenze. Per cui soltanto gli addetti ai lavori dovrebbero farlo. Ma come cazzo fai a sostenere una castroneria di questa portata? Lo sai che, se così fosse, il calcio morirebbe come sport di massa in un battibaleno?

    Ma a parte questo, chiunque di noi poveri stupidelli ignoranti sa fare di conto. Gli infortunati del Milan sono un’enormità. Punto. Tu avevi portato argomenti, indicato e bla bla bla, qualcuno ha portato indicazioni e argomenti di segno opposto. L’attenzione e il rispetto valgono per chi la pensa come te esattamente come per chi la pensa in tutt’altro modo.

    Trovo i riferimenti ai neuroni di coloro che non la pensano come te abbastanza irritanti. E sono stato molto, molto soft.

  30. Jtura, io sono uno dei primi che ti ha criticato e ti critica tuttora perché penso che sei uno di quelli che comunemente si definiscono aziendalisti. Però la mia critica non toglie il tuo diritto ad avere un certo tipo di opinione e il massimo che possa (o debba) capitare è che ognuno resti sulle sue posizioni e tutto ciò serva solo ad alimentare la dialettica. La contrapposizione e il contraddittorio sono il sale di qualunque dibattito.

    Ieri sera mi hai attaccato su una frase, tendenzialmente pessimista, ma che era collegata a una mia giornata nera (ne capitano a volte). Io quando mi metto a vedere una partita del Milan lo faccio con la profonda speranza di vederlo vincere, magari come è capitato con il PSG, e ieri sera sull’1-1 davvero ci avevo creduto e ci stavo credendo anche nella ripresa fino a che non si è rotto anche Thiaw. A quel punto quel poco che doveva ancora crollare mi è crollato addosso. Il risultato poi era già scontato e scritto da quel momento.

    Guarda, se parliamo di aziendalismo, io sono uno che è rimasto attaccato a Berlusconi e Galliani fino quasi alla fine, perché, anche se sapevo benissimo che lo scudetto regalato alla Juve nel 2012 con il conseguente svuotamento della rosa era la fine definitiva di un’era. Sono rimasto con una speranza fino alla fine da povero ingenuo che comunque riconosceva quanto enormemente grande era stato quello fatto da quella dirigenza in tanti anni. Di Cardinale o di Elliott (che sono più o meno la stessa cosa, vedi Furlani) non mi fido perché il loro unico interesse è il guadagno, perché con la realtà Milan non hanno nulla a che fare, perché non conoscono la nostra storia e comunque non gliene frega niente, perché se tutto questo non fosse vero ci avrebbero già venduto l’anno scorso a Investcorp e quasi sicuramente oggi sarebbe tutta un’altra cosa.

    Quindi Jtura, tranquillo, continua a pensare come preferisci, ma accetta anche che altri possano criticare il tuo pensiero. Io ti beccherò sempre, ma, credimi, con il massimo rispetto per la tua persona. Tanto lo so che soffri come un cane anche tu, lì non c’è differenza.

  31. marcovan,
    non ci siamo.
    Qui il problema non è criticare
    il problema è che si critica Pioli con frasi tipo ” è presuntusoso”

    Ora : premesso che Pioli è un allenatore professionista
    che allena in serie A da 20 anni

    Se lui è presuntuso la persona che lo critica e lo definisce per l’appunto “presuntuoso”,
    premesso che di allenamenti non sa un cazzo, di gestione di un gruppo non sa una fava, ….
    come deve essere definito????????????

    Un conto è criticare, fare domande e avere dubbi.

    Un altro è sparare – da incompetenti – giudizi e certezze –

    E’ il motivo per cui ho disgusto per il 99% dei commentatori sportivi e della TV spazzatura di taglio sportivo

    Potrei citare a proposito Umberto Eco ma preferisco Charles Haddon Spurgeon
    La gente che non fa niente, è sempre la prima che fa delle critiche a tutto

    Giustiziere: sbagli
    NON sono aziendalista
    ho solo – o vorrei avere – SOLO RISPETTO per chi lavora.

  32. Okay, ma non sei tu che devi sentenziare come si critica. Come non sono io che deve farlo, sia chiaro, io mi limito a esprimere opinioni personali e tentare di riportare le discussioni in quelli che credo siano i giusti binari, a volte riuscendoci altre volte no, anche perché non ho molto tempo da dedicare a questo spazio, né sono infallibile. Però ci provo

    Se qualcuno ritiene Pioli, a torto o ragione, presuntuoso, ha tutto il diritto di scriverlo qui dentro. Tu hai tutto il diritto di spiegare il perché la pensi diversamente, senza però attaccare personalmente l’interlocutore. Perché a me i concessionari di patenti di tifo sono sempre stati sulle balle, detto in tutta franchezza.

I commenti sono chiusi.