SALA D’ATTESA – Nel continente nero..

Abbandoniamo per un momento la Coppa nazionale per parlare della ben più importante manifestazione che si sta svolgendo nel continente africano.

STORIA – quella che si disputa quest’anno in Gabon e Guinea Equatoriale è la 28° edizione della manifestazione, la cui fase finale a 16 squadre si disputa ogni due anni (salvo rari casi) dal 1957, data della prima edizione svoltasi in Sudan, che ha visto trionfare l’Egitto, attuale campione in carica (ma senza possibilità di difendere il titolo) e recordman con ben 7 vittorie, di cui le ultime 3 di fila: infatti, è dal 2006 che la coppa torna a fine torneo nella terra dei faraoni. Completano il podio dei successi Ghana e Camerun con 4 vittorie a testa. L’ultima edizione ha vissuto brutti momenti di stampo extracalcistico con l’attentato terrorista al pullman del Togo, che ha causato 3 vittime fra giocatori e dirigenti della nazionale africana, ritiratasi dalla competizione e punita dalla FIFA con l’esclusione dalle manifestazioni successive; sanzione poi revocata dopo il ricorso della federazione Togolese, che ha potuto così tentare la qualificazione, senza riuscirci, all’edizione di quest’anno.

Egiziani in festa con la coppa 2010

NUMERI: il record di partecipazioni (e come detto sopra, di vittorie) appartiene all’Egitto; miglior marcatore della storia del torneo è $amuel Eto’o (Camerun), con 18 centri che stacca Pokou (Costa D’Avorio) con 14 e Yekini (nigeria) con 13. Il campionato che offre più giocatori alla manifestazione (edizione 2012) è quello francese, con ben 111 rappresentanti: Rennes, Brest e Auxerre si vedono dimezzare la rosa e perdono addirittura 10 elementi. Poi Inghilterra con 37 (4 Tottenham e Chelsea), Italia con 28 (5 Fiorentina), Germania con 26 (4 Friburgo Augsburg) e Spagna con 21 (6 Granada).

EDIZIONE 2012: assenti molte delle favorite, tra cui Nigeria, Camerun, Sudafrica e Algeria, ma su tutte spicca la mancata qualificazione dell’Egitto campione in carica. Restano dunque, per il ruolo di candidate alla vittoria finale, Costa d’Avorio e Ghana. Esordiscono alla fase finale  Guinea Equatoriale, Niger e Botswana.

LE STELLE: su tutti gli ivoriani Didier Drogba e i suoi connazionali (Doumbia, Kalou, Gervinho e i fratelli Toure, insieme al maliano Keita, ai fratelli Ayew (ghanesi, come i due Asamoah) e ai senegalesi Ba, Papiss Cissé e Sow. Accanto ai campioni affermati però, ci sono dei giovani emergnti da scoprire quali i marocchini Belhanda e Assaidi, il maliano Sidy Konè e lo zambiano Mayuka.

RISULTATI e calendario: si sono giocate solamente le prime partite della fase a gironi, ma c’è già la prima sorpresa. Il Senegal, favorito per la vittoria finale dopo Costa d’Avorio e Ghana, è già sicuro dell’eliminazione dopo sole due giornate avendo perso le partite con la Guinea, padrona di casa e del girone A (6 punti in 2 partite), e lo Zambia, entrambe per 2-1. Già qualificata insieme alla Guinea è la Costa d’Avorio, che ha vinto le prima due partite del suo girone: 1-0 targato Drogba la prima, 2-0 (kalou, aut. Konè) la seconda. Vittoriose all’esordio Ghana (1-0 firmato Mensah, ex del calcio italiano) così come Tunisia, Angola (che ha preggiato ieri per 2-2 la seconda partita) Gabon e Mali.
Fase a gironi che terminerà il primo febbraio, a cui seguiranno i quarti di finale (4-5 febbraio), le semifinali l’8 febbraio e la finale a Libreville domenica 12 febbraio. Nei miei prossimi post sarà dedicato un paragrafo finale all’aggiornamento della situazione della competizione.

Sito ufficiale: http://www.cafonline.com/competition/african-cup-of-nations_2012