Onore al merito, grazie di tutto, a prescindere...

Pensando alla geniale coreografia di san Siro inneggiante a Pac Man, giunge inesorabile stasera il game over per il Milan in Champions, un 3-1 al termine di una partita comunque viziata da decisioni arbitrali non felicissime. Dopo il primo vantaggio blaugrana con Messi su rigore al 9′ ed il momentaneo pareggio di Nocerino al 32′, i catalani chiudono i giochi con un secondo penalty sempre realizzato da Lionel al 39′ e poi, nella ripresa, con Iniesta al 52′.

Se il risultato non lasciasse l’amaro in bocca, aggiungiamoci poi anche il nuovo infortunio di Pato, entrato al 68′ al posto di Boateng ma poi uscente all’82’ al posto di Maxi Lopez (si parla di problemi al flessore della gamba sinistra).

Partita che i nostri interpreterebbero anche con intelligenza, peccato però che Mexes prima e Nesta poi commettano delle ingenuità che ci costano la partita (sarà per loro negligenze che il Barça otterrà due rigori). Andrebbe però detto che la trattenuta di Nesta (che c’è tutta) avviene a gioco fermo, quindi bene avrebbe fatto l’arbitro a fischiare fallo e ad ammonire Sandrone senza assegnare alcun rigore.  Il Barça fa la partita ma non affonda poi così tanto, a volte sembra volersi specchiare troppo e la difesa, quando pressata, proprio così inossidabile non è. L’esempio lampante nel caso del nostro gol: Ibra fa un gran bell’assist per Nocerino, che, libero di avanzare, ha la freddezza necessaria per superare Valdes.

Il Barça viene ingabbiato comunque bene, tanto che le azioni più pericolose dei padroni di casa emergono soprattutto su tiri da fuori area. Il cinismo c’è (dopotutto l’unico tiro fatto da noi nello specchio della porta lo abbiamo anche realizzato), ma il Barça (ad onor del vero ANCHE una squadra di checche isteriche tutte le volte che non vincono una partita) è comunque superiore; questi giocano a memoria ed il loro possesso palla è incontrastabile, poche storie.

Negli ultimi minuti si tenta di attaccare, ma vuoi la stanchezza, vuoi forse anche il contraccolpo per l’ennesimo infortunio a Pato ci hanno condizionato. Non so, con un pizzico di consapevolezza in più forse ce la si poteva giocare meglio, ma con i se ed i ma non si va da nessuna parte. Punto.

CONSIDERAZIONI:

Ammetto che l’arbitraggio di stasera non mi è piaciuto, non solo per il secondo rigore ma anche per altri episodi; questi però ci hanno battuto con un margine di due gol, per cui poche storie. Non dimentichiamoci che c’erano due rigori per il Barcellona all’andata

Sconfitta che non deve demoralizzarci ma piuttosto farci riflettere; si sapeva che Barça e Real sono un gradino sopra, con un sorteggio più fortunato si poteva anche arrivare in semifinale, ma a che pro? Meglio concentrarsi sul campionato, in attesa di capire come voglia muoversi la società sul mercato…

Potrei dire di non aver capito alcune scelte di Allegri (Robinho non era da far giocare, Seedorf neppure, Pato lo si è rischiato ed i risultati si sono visti, El Shaarawy neppure fatto entrare), ma m’importa poco…

Di Ibra si diranno le cose di sempre, tuttavia l’assist per il gol del pareggio lo ha fatto lui; tutta la squadra non si è certamente espressa al meglio…

Ora speriamo che il nostro presidente rientrante (o neopresidente onorario, vedete voi) non ringhi e sbraiti; c’è bisogno di serenità e critiche feroci come quelle fatte da Silvio durante il match di san Siro potrebbero destabilizzare l’ambiente. Voglio dire, già ad essere poco sereni sono arbitri e guardalinee nostrani, meglio non innervosirci anche noi…

L’orgoglio c’è, l’ho visto anche stasera, partiamo da quello per vincere uno scudetto che completerebe una stagione tutto sommato positiva…

Pato: spero che capiscano che cos’ha… E che poi lo prepensionino, dato che uno così non lo si potrebbe mai vendere a nessuno… Speriamo che almeno Fantantonio non ci giochi scherzi simili…

Questa Champions è andata meglio di quella della scorsa stagione e diciamo che un po’ tutti avrebbero parlato di una buona stagione in Europa se arrivati almeno ai quarti; la prossima volta andrà meglio…

ORGOGLIOSO DEI RAGAZZI E SEMPRE FORZA MILAN!!!