Non il miglior rientro per Fantantonio...

Complimenti, tra sospetti di redattori che amano prendersela in quel posto (con relative disquisizioni), a prendercela pesantemente nel retto siamo tutti noi rossoneri: seconda sconfitta casalinga contro una squadra squallida e pesantemente da retrocessione (anche se non troppo per quello che si è visto oggi pomeriggio) e assist alla Juventus che, vincendo oggi contro il Palermo, può superarci di un punto (e non dimentichiamo che alla Juve lo scudetto finirebbe anche in caso di campionato chiuso a parità di punti).

Già la formazione preoccupa parecchio: difesa centrale con Bonera e Mexes, Zambrotta terzino ed Emanuelson trequartista (ruolo non forse a lui più congeniale, ma qualcuno forse fa ancora fatica a capirlo), Abbiati, Abate, Muntari, Ambrosini, Nocerino, Zlatan e Maxi Lopez completano il nostro 11.

La Fiorentina parte bene e cerca di crearci grattacapi nei primi 13 minuti, poi il Milan emerge sulla distanza. La nostra prima nitida occasione giunge al 17′, con una punizione ribattuta e con Muntari che calcia clamorosamente fuori. Il Milan attacca ed ottiene tanti angoli, ma si passa solo grazie ad un rigore concessoci al 29′, rigore molto dubbio in quanto sembra Maxi il primo a trattenere l’avversario. Ibra s’incarica del tiro che realizza spiazzando Boruc.

Dopo un grande parata di Abbiati su Ljajic al 32′, il Milan ha la chance di chiudere la partita al 38′ con Maxi, che però, dopo essere stato servito da Ibra, centra il palo.

Naturalmente, non sia mai che il Milan (squadra di esperienza) sappia gestire al meglio un risultato, ed ecco così il pareggio di Jovetic dopo nemmeno un minuto dall’inizio della ripresa, gol regolare in quanto lo slavo viene tenuto in gioco da Abate.

Al 52′ entra in campo Aquilani per Ambrosini, ma la squadra è sconclusionata e disunita, c’è impegno ma non sempre si arriva a creare occasioni così nette (troppi i lanci sul fondo) e si rischia in più circostanze di essere trafitti (o inculati, tanto è lo stesso) sulle ripartenze degli avversari.

Neppure Robinho (in campo al posto di Emanuelson) al 64′ risolve i problemi, anzi, il brasiliano, pur dannandosi, perde troppi palloni e non sempre riesce a sfondare. I viola vanno ancora vicini al gol al 53′ con una ripartenza in 3 contro 2 (tiro centrale su Christian) e al 66′ con Jovetic, ma anche noi all’80’ effettuiamo un tiro con Robinho.

All’83’, in sostituzione di Zambrotta, standing ovation per Fantantonio, che torna a calcare l’erba di un campo da calcio dopo i suoi ben noti guai. Cassano sarà protagonista di un episodio in area di rigore viola (viene palesemente spinto e tirato giù) al 92′, così come un altro contatto dubbio sempre nell’area di Boruc avviene un minuto dopo (a cadere è stavolta Ibra). Ma è troppo tardi: con una difesa a tre si è più esposti e all ’88’ ecco il gol della vittoria della Fiorentina con (sic) Amauri (entrato al 76′ al posto di Ljajic), che approfitta di un pessimo retropassaggio di testa di un nostro difensore e con un uno due con un suo compagno supera Abbiati infilandolo sul secondo palo.

Finisce così, con i viola che colgono la loro seconda vittoria in trasferta quest’anno

CONSIDERAZIONI:

Considerazioni, eh? Voglia di tirare bestemmioni a manetta, altro che considerazioni…

Formazione da suicidio, forse per certi aspetti inevitabile e che dovrebbe far riflettere chi sostiene che abbiamo una rosa di soli campioni: Ibra riesce sempre a fare qualcosa di buono ma sembra spompato, Emanuelson trequartista non c’entra niente, Muntari sembra il migliore (o il peggiore) dei tempi dell’Inter, difesa centrale con la premiata ditta Mexes/Bonera e il dinamicissimo Zambrotta terzino sinistro. Solo a sentire la formazione c’era di che preoccuparsi…

Lanci verso il nulla, squadra spesso spezzata in più tronconi, difesa oscena nelle circostanze dei due gol, si finisce spesso in offside in maniera idiota. Ha poi avuto senso schierare Cassano per giocare con una difesa a tre? Con il senno di poi no; e El Shaarawy? Dov’è finito il Faraone?

Non puoi lasciare 5 punti su 6 alla Fiorentina, a QUESTA Fiorentina; abbiamo perso 5 partite quest’anno, troppe perché secondo me si possa vincere. Se non si vince spero che tutti vengano presi a suon di fucilate a sale grosso, anche se una rifondazione andrebbe fatta a prescindere; qualcuno è gia saltato (il NON dottore che ha avuto in cura Pato), chissà che non salti anche qualcun altro…

Abbiamo regalato lo scudetto ai gobbi? Mi viene da dire di sì, se non altro perché loro cagate come la partita di oggi non le fanno; si fa dura, molto dura…

P.S.: Spero che Eric e M90 oggi si siano visti… e SOPPRESSI tra loro in via definitiva, tanto portano sfiga entrambi (il primo a parole, il secondo per il solo fatto di esistere)… :mrgreen: