Il mese scorso scrissi che finalmente ci eravamo tolti le pause nazionali di torno fino a Marzo, mi dimenticavo però dei play off per andare in Brasile. Noi ci siamo qualificati direttamente ma altre compagini devono ancora superare l’ultimo scoglio. Le gare le ha già presentate ampiamente il nostro Camisa nel suo post di mercoledì, dando una sua opinione e coinvolgendo gli utenti a dare una loro opinione. Vediamo chi, almeno ci è andato più vicino, ovviamente solo per le gare d’andata, nel ritorno si può ancora ribaltare tutto.

Peralta festeggia il suo gol

Peralta festeggia il suo gol

Iniziamo proprio dallo spareggio multicontinente, il Messico non ha problemi a sbarazzarsi di una Nuova Zelanda, andando addirittura sul 5-0, subendo l’unico gol oceanico a 5 minuti dalla fine. Direi che non penso che nel ritorno gli all whites possano ribaltare il risultato e vincere 4-0 o con 5 gol di scarto, i messicani possono dormire sonni tranquilli e prenotare il volo per il Brasile. Tra gli utenti, a parte il Camisa che la dava per equilibrata, solo Darko credeva all’impresa della Nuova Zelanda, gli altri davano tutti per scontata la vittoria del Messico.

L’altro spareggio intercontinentale è Uruguay-Giordania, anche questo abbastanza segnato, infatti Cavani e compagni ne segnano anche loro 5 ai poveri mediorientali. I gol sono tutti segnati da giocatori diversi, l’ex Matador di Napoli, ora compagno del Maestro a Parigi segna il 5-0 nel recupero. Qui, più della partita precedente direi che la strada è segnata,  tenendo conto che il ritorno si giocherà proprio in Sudamerica. Non sbagliamo nel dire: Uruguay ai Mondiali e Giordania a casa. Qui tra i nostri esperti commentatori nessuno si azzardava a pronosticare la Giordania, e infatti hanno fatto bene.

Noi ci crediamo!

Noi ci crediamo!

Arriviamo in Europa, dove ci sono le sfide più interessanti ed equilibrate. Partitamo dalla più interessante, la sfida che vede di fronte due grandissimi campioni, anzi un grandissimo campione ed il Maestro. Portogallo – Svezia. All’andata a Lisbona la spuntano i portoghesi, che con un gol di testa proprio di Cristiano Ronaldo superano la Svezia per 1-0. Il risultato comunque lascia aperte le speranze a Ibra e compagni per la qualificazione in Brasile, ma nel ritorno in Svezia servirà una grande prestazione per poter staccare il biglietto per la rassegna iridata. Il Maestro non può fare tutto da solo, ed i suoi compagni seghini dovranno dargli una grossa mano, se no l’estate prossima saranno tutti a caccia di Alce nelle foreste svedesi. I pronostici sono stati abbastanza equilibrati, è prevalso forse l’affetto per Zlatan nelle risposte di Ghostrider2 e Darko. Betis non si sbilanciava per motivi di cuore e il nostro Rickidevil aveva attentamente eluso la partita. Solo il Camisa aveva scritto Portogallo.

Ribery vede allontanarsi Mondiali e Pallone d'Oro

Ribery vede allontanarsi Mondiali e Pallone d’Oro

Scendiamo un po’ di livello, non siamo ancora nel reparto seghini, ma poco ci manca. Ucraina – Francia è la seconda partita più interessante, l’Ucraina è una squadra abbastanza giovane, però dinanzi ai galletti avrebbe dovuto essere inferiore. I cugini d’oltralpe hanno tra le loro fila il candidato al Pallone d’Oro Ribery, Pogba, e comunque più qualità in mezzo al campo. Invece il calcio è strano, nel freddo di Kiev, i nostri amati vicini di casa prendono due pere senza segnarne nemmeno una. I gol di Zozulia e Yarmolenko su rigore avvicinano l’ex nazionale di Shevchenko al Brasile, mentre allontanano i Francesi. Dopo la disastrosa figura a Sudafrica 2010, non qualificarsi nemmeno a Brasile 2014 dovrebbe far riflettere alla Francia, visto anche che la qualità in nazionale non manca.

A parte Ghostrider2, tutti gli altri pronosticavano una facile vittoria Francese, certo c’è ancora il ritorno che può dargli ragione, ma noi speriamo vivamente che si sbaglino. La Francia fuori dai Mondiali sarebbe una bella cosa da vedere, certo così il Pallone d’Oro Ribery se lo scorderebbe di sicuro.

Metto insieme gli altri due spareggi europei perché le squadre sono infarcite di decine di seghini. Grecia-Romania è l’apoteosi del seghino. Gli ellenici non hanno problemi a battere in casa i Romeni per 3-1 ed avvicinarsi anche loro al Mondiale. Non vi dico nemmeno da chi sono segnati i gol, tanto sono seghini. Nessun gol invece tra Islanda e Croazia, nonostante i balcanici giochino per molto tempo in superiorità numerica. Comunque loro non dovrebbero avere problemi al ritorno in Croazia ad ottenere la qualificazione.
Queste partite sono ancora tutte aperte, Betis dice Grecia a ragione, mentre il Camisa si butta sulla Romania. Solo il ritorno dirà chi ha ragione.

Tra oggi e lunedì si gioca anche il ritorno delle ultime partite di qualificazione della zona africana. La Costa d’Avorio è in vantaggio 3-1 sul Senegal, che però ha l’opportunità di giocare in casa il ritorno. La Nigeria aveva vinto 2-1 in Etiopia e non penso avrà problemi, così come il Ghana di Boateng, vittorioso per 6-1 all’andata in casa contro l’Egitto. In dubbio rimangono Tunisia – Camerun finita 0-0 e Burkina Faso – Algeria, conclusasi 3-2 per i Burkinabè (si sono andato su Google a vedere come si chiamavano gli abitanti del Burkina Faso).

Ah si, ieri giocava anche la Nazionale. L’amichevole non l’ho vista, so solo che ha segnato Abate, di sinistro, su assist di tacco di Bonucci. Penso di aver detto tutto. E’ finita 1-1 con i nostri “amici” tedeschi, che non ci battono praticamente mai, anche se a quanto leggo meritavano ampiamente loro anche questa volta.

Nel 2016 ci saremo noi?

Nel 2016 ci saremo noi?

La partita si è giocata a San Siro, essendo un giorno feriale, di freddo e pioggia gli spettatori erano circa 50.000, comunque abbastanza per un’amichevole.  L’ATM (l’azienda dei trasporti di Milano) aveva revocato lo sciopero proprio a causa della partita, perfortuna degli spettatori, se no alcuni sarebbero ancora li che cercano di uscire con l’auto. E’ notizia di oggi che San Siro ospiterà la finale di Champions League del 2016. Non c’è ancora l’ufficialità, ma dovrebbe essere cosa fatta a quanto dice Abete. Ovviamente lo stadio dovrà sottoporsi ad un restyling non da poco. Milan e Inter hanno già finanziato i lavori, e passo dopo passo li stanno portando avanti. Si dovranno rifare i bagni, gli accessi per i disabili, e si dovranno togliere le reti tra secondo e terzo anello. E questa sarà solo una piccola parte, in teoria per il 2016 dovrebbe esserci anche la metro che porterà direttamente allo stadio. Noi ci auguriamo che ci possa essere il Milan, ma visti i tempi la vedo dura, l’ultima volta che la finale fu a San Siro noi fummo eliminati nel secondo girone da Deportivo e Galatasaray. Fu anche l’anno di Leeds-Milan 1-0 con la prima papera di Dida.  Ve la ricordavate?