SALA D’ATTESA – Notizie dal mondo, di tutto un po’

VALENCIA – A livello calcistico qua sono contenti, la squadra è giovane ma sta andando bene in questo inizio campionato. A livello di vita sociale io sono più contento di loro :wink:
Ci sono 27-30°, sole tutti i giorni, beach volley e in sti giorni, oltre alla sagra del marisco (dove mangiano queste robe qui) c’è l’Oktoberfest: ora ha anche un senso farlo, visto che è periodo, un po’ meno l’aveva a maggio, però vabbè…turisti! Location Plaza de Toros, che è l’arena della corrida, ingresso 10 euro e un litro di birra incluso. Ieri con la tessera universitaria i litri inclusi erano 2. Il viaggio di ritorno in bicicletta è stato uno spasso, andando un po’ ad ondate però vabbè…


MILANO
– A livello calcistico qua non sono contenti, sono ENTUSIASTI. Due partite, sei punti, una parvenza di gioco e pubblico che si diverte. Quei pochi che ci vanno dico.
A livello dirigenziale invece, si sono già tracciati i bilanci del mercato, che testimoniano come il Milan non sia più la società che spende, ma stia diventando un ex-gloria, vendendo l’argenteria pregiata più che comprarne nuova ma allo stesso tempo, reinvestendo male i pochi che ha: il monte ingaggi è addirittura salito e non leggo più gli amichetti giornalai fare marchette sul lavoro fatto dalla dirigenza. Sarà perchè stiamo pagando le scietà per tenerci giocatori del calibro di binho, matri e nocerino?
Calciomercato.biz però lancia un segnale di speranza (o di illusione?): Silvio ha sistemato parte dei suoi problemi con Veronica, detta la prosciugatrice, e può ricavarci una buonuscita per il Sig. Galliani, calcolata (in maniera decisamente più sensata) in circa 30 mln, che per 27 anni di lavoro, tra mooolti alti e alcuni bassi, soprattutto negli ultimi tempi, mi sembra congrua, vedasi l’ultima cacciata altisonante di un certo sig. Luca Cordero.

TORINO – La Juve ha poco da dimostrare, però tanto da perdere. 3 scudetti di fila, un mister all’inizio non voluto dalla tifoseria ma con cui i giocatori si trovano bene, apparentemente. Poi magari quando verrà cacciato gli sparleranno a dietro, guidati da Pirlo che ha esperienza e già sa come si fa. Arrivano a Milano, scontro al vertice (sono curioso di vedere al ritorno dove saremo noi) però mi fa sempre sorridere quando leggo notizie sul mercato della Juve. Per chi è arrivato ma, soprattutto, per chi no.
Il primo è Coman, che l’ha sparata non grossa, grossissima, forse perchè è giovane e non seguiva le vicende nostrane, ma vabbè, vedremo anche lui come sarà messo tra qualche mese. Il secondo è sull’ennesimo campione che doveva arrivare a Torino, ma che è sfuggito per un soffio. No, non sto parlando di Falcao, che han tentato, ovviamente fallendo, di comprare usando la “Tattica del Condor” (gratis+stipendio ridotto+riscatto a due dita negli occhi) e che si è accasato a Manchester per una barca di soldi, ma di Dzeko: si, Edin, sempre lui..Milan Juve o Inter, tutti gli anni deve venire in Italia ma alla fine è sempre li con la magliettina color puffo. Quest’anno “era ad un passo” ma poi è saltato tutto.SI VABBE….

balotelliUK – Metto UK di proposito, perchè il regno è ancora unito. Il referendum scozzese sull’indipendenza ha avuto esito negativo, quindi i socievoli scozzesi descritti da Willy qui saranno ancora sotto la guida della regina per molto molto tempo.
Però vabbè, parlando di Inghilterra come non parlare di Balotelli…no beh, onestamente c’è poco da parlare di Mario (si può dire finalmente?), che ha cominciato a segnare, trovato una (o un paio) di amichette con cui divertirsi e morta li.
Speriamo di godercelo con la nazionale di Conte ora, chissà che Rodgers e il parrucchinato gli facciano mettere un po’ la testa a posto.