A TUTTO CAMPO….GHOST TO GHOST

silvio_berlusconi_occhiali_da_sole_occhi_uveiteSilvietto: è di questi giorni la prima ammissione di colpa “anche” della Societa. E’ già stato detto che non cambierà niente, sono le solite manfrine, ecc. ma intanto l’intoccabilità di Adrianone è stata minata. E’ già qualcosa aver ammesso che non è solo l’allenatore a sbagliare.
Perché Sinisa sbaglia, ci mancherebbe altro, ma nonostante tutto cerca di metterci una pezza. Ha cambiato modulo in corsa e qualche risultato migliore si è visto, ha cannato alcune volte formazione e ha sbagliato a fidarsi di alcuni giocatori che venivano considerati “importanti” ma alla fine ha puntato su una formazione pressocché uguale ad ogni partita e ha messo in panchina chi, dopo mesi di allenamento, non riesce ad andare oltre i 15 minuti di autonomia.

Adrianone: il silenzio o le solite frasi? Tipo: quando si perde si tace o quel giocatore l’avevamo inseguito anche noi o siamo a posto così o siamo il club più titolato al mondo o la fiscalità spagnola o il Milan non vende i suoi campioni o le bandiere non si comprano e non si vendono o se dovesse andare via dalla sua squadra verrebbe sicuramente al Milan o in giro non vedo giocatori più forti di quelli del Milan o al 99,99% periodico resterà al Milan o tutti vogliono venire al Milan o i tifosi sono preoccupati? Anche io sono un tifoso e non sono preoccupato o se uno parte uno arriva…..
Decisamente meglio il silenzio.

cruijff 01Cruijff: Brera lo soprannominò il “Pelé bianco” proprio per le sue enormi doti di calciatore. Personalità enorme in campo e fuori, ebbe il suo picco di carriera al Mondiale 1974 dove fece mirabilie. Personalmente ho suoi ricordi come calciatore nell’insieme di quella orchestra che era l’Olanda di Rinus Michels. Lui era il primo violino, ma c’erano tanti altri primi strumentisti e quella squadra è rimasta nella storia del calcio.
Come allenatore, invece, ricordo sempre con estremo piacere la finale con il Barcellona che lui allenava. Quel 4-0 che non ammetteva repliche e nemmeno gli permetteva di alzare lo sguardo da terra. Prima della finale, le sue dichiarazioni da smargiasso e le foto con la Coppa fatte girare come se avessero già vinto, ottennero l’effetto di una feroce e implacabile vendetta sportiva sul campo. Ciao Johan.

Donnarumma: ieri l’esordio molto positivo in maglia azzurra con l’U21 ed il record del “più giovane” a esordire in azzurro. Complimenti, Gigio!

Romagnoli: ieri in U21 è stato il migliore in campo e pure un gol a suggellare la prestazione superlativa. Complimenti, Alessio!!

Bacca: ieri a segno anche con la sua Nazionale. Cerca di non perdere l’abitudine, eh.

Brocchi: 4 pere e via dal Viareggio. Silvietto sarà ancora entusiasta? Avrà qualcosa da suggerirgli?

candelaCi sono poi fatti che, inutile nascondersi, ti spezzano il cuore e preoccupano parecchio. Le ragazze dell’Erasmus e gli attentati di Bruxelles sono solo gli ultimi in ordine di tempo. Situazioni difficili che ogni giorno invadono le nostre case e le nostre teste, facendo obbligatoriamente passare in secondo piano anche la voglia di parlare di calcio. Ciò nonostante ci sforziamo di parlare “anche” di calcio, magari scrivendo puttanate cosmiche, senza per questo mancare di rispetto nessuno ma, molto semplicemente, per continuare a fare ciò che è normale noi si faccia e che altri vorrebbero non facessimo più.