Il Mian, dopo i contrasti in seno che hanno portato al licenziamento di Boban e in un San Siro a porte chiuse causa Coronavirus, sciupa nel peggiore dei modi il possibile aggancio al sesto posto. I rossoneri perdono di misura contro il Genoa: Pandev porta in vantaggio i grifoni al 6′; il raddoppio arriverà verso la fine del primo tempo con Cassata e a nulla servirà la marcatura di Ibra al 76’…

Il Milan non gioca affatto male ma poche sono le occasioni veramente pericolose. Se nel primo tempo ci sono occasioni alquanto nette (colpo di testa di Zlatan al 16′, scambio Calhanoglu/Ibra/Calhanoglu con tiro di quest’ultimo su Perin tre minuti dopo), nella ripresa, gol dello svedese a parte, si fa molta fatica ad entrare nell’area avversaria. La squadra paga gli errori difensivi (grave quello di Hernandez che non chiude in occasione del cross che porta al primo gol) ed incertezze varie (Theo poco brillante oggi, Kessie e Bennacer anch’essi in giornata no). La manovra può essere buona ma manca sempre la zampata finale. Jack subentra al turco e qualcosa di buono lo prova, impalpabile invece l’ingresso di Leao al posto di Rebic. Finisce così, con una sconfitta casalinga che non si verificava dallo scorso novembre…

CONSIDERAZIONI:

L’operato di Gazidis distruggerà quanto di buono fatto finora? Probabilmente sì, anche se nell’immediato parlerei di castronerie difensive non indifferenti. Se si deve continuare su questa strada allora auguriamoci che il campionato venga sospeso quanto prima…