Milano, domenica 14 novembre 2022 – ore 18,00 – Stadio San Siro

Bilancio Serie A (in “casa del “Milan”):

Giocate: 82

Vittorie Milan: 49

Pareggi: 20

Vittorie Fiorentina: 13

Gol Milan: 148

Gol Fiorentina: 72

Questa stagione partita con tanti buoni auspici e “semi-entusiasti” per l’arrivo soprattutto di CDK, si sta “per ora” rivelando “quasi” una via crucis nonostante abbiamo battuto Inter e Juve e perso immeritatamente con il Napoli, il quale sembra aver messo il turbo ed in qualche occasione che non gira interviene qualche episodio diciamo “fortunato”.

Sapevamo che questa stagione non sarebbe stata una passeggiata, ma oltre ad avere ancora negli occhi la fantastica cavalcata finale della passata stagione, almeno si sperava di non soffrire in partite contro le cosiddette piccole. Sofferenze che si sono ripetute spesso in trasferta.

Domenica alle 18 abbiamo la Fiorentina che sta disputando un campionato quasi anonimo e sicuramente al di sotto delle aspettative dei tifosi. In casa ha comunque fermato Napoli e Juve ma perso nettamente con la Lazio ed in modo rocambolesco contro l’Inter. Fuori casa due pareggi ed una vittoria a Genova contro la Samp e 4 sconfitte ma tutte con un solo gol di scarto. Per cui si prevede anche che questa partita sia una “sofferenza” immaginando che anche loro porteranno un secondo autobus da parcheggiare davanti la porta.

La scorsa stagione si giocò alla 35ª giornata e fu la terza delle sei vittorie consecutive nelle ultime sei giornate che ci permisero di respingere l’assalto nerazzurro e conquistare il sospirato scudetto n. 19.

La Fiorentina partì veloce facendo capire che non era venuta a Milano per fare una scampagnata e già al primo minuto brividi per una rovesciata in area di Cabral. Al 7° passiamo in vantaggio con Hernandez ma la rete viene annullata per giusto fuorigioco di Messias. Dopo un clamoroso errore di Giroud che fallisce una rete praticamente fatta, il solito, rompic… e bestia nera Saponara impensierisce Maignan che para in due tempi. Il primo tempo finisce 0-0 e c’è apprensione in noi tifosi.

La ripresa riprende con un altro clamoroso errore rossonero, questa volta è Leao a sciupare un gol. Al quarto d’ora entrano Messias per Rebic e Krunic per Diaz e il nostro amato ex Jack Bonaventura entra per i viola per sostituire Maleh. A questo punto, seppur non credente, prego qualcuno in alto che non sia proprio lui a beffarci.

Al 22° Pioli si gioca anche la carta Ibra che entra accolto dal solito boato.

Al 31° perdo qualche anno di vita, su cross di Biraghi di testa Cabral indirizza verso la rete, ma la nostra porta è difesa da un fenomeno e Maignan, para da fenomeno!

Dopo un paio di minuti dall’entrata di Bennacer per Kessié, al 37° finalmente passiamo in vantaggio ed urlare tutta la nostra gioia repressa fino a quel momento. Rinvio sbilenco di Terracciano che intercetta Leao, il quale appena in area si libera di Milenkovic e segna con un destro preciso. San Siro diventa una bolgia incontenibile.

Pochi minuti dalla fine ci prova anche Ibra di testa ma la palla finisce alta e dopo 5 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine e noi tutti possiamo gioire di una vittoria difficile, ma FONDAMENTALE!

_________________________

IL PROGRAMMA DELLA 13ª GIORNATA

Venerdì 11 novembre 2022:

ore 20,45 – Empoli-Cremonese

Sabato 12 novembre 2022:

ore 15,00 – Napoli-Udinese

ore 18,00 – Sampdoria-Lecce

ore 20,45 – Bologna-Sassuolo

Domenica 13 novembre 2022:

ore 12,30 – Atalanta-Inter

ore 15,00 – Monza-Salernitana

ore 15,00 – Roma-Torino

ore 15,00 – Verona-Spezia

ore 18,00 – Milan-Fiorentina

ore 20,45 – Juventus-Lazio