38 2 minuti 1 mese

A molti è piaciuto il primo tempo del Milan: pressing alto, ritmo frenetico, continui uno contro uno, tutta roba che fa godere il nostro coach ma che, come al solito, ha prodotto pochino: due tiri in porta, uno di Musah neutralizzato dal portiere e uno di Leao, bellissimo e nel sacco, dopo una altrettanto bellissima azione in ripartenza con l’amico Theo. A me il Milan del primo tempo ha soltanto fatto meno schifo rispetto a quello del secondo. Un secondo tempo nel quale l’Atalanta ha giocato meglio, è stata più pericolosa, ha tirato spesso in porta. Ah, il tiro in porta… questo bizzarro aspetto del gioco che invece  il piolismo pare non contemplare.

Leggo qua e là improperi nei confronti di Di Bello. L’arbitro ha concesso un rigore che forse c’era e forse non c’era, ma non è lui il responsabile di questa nostra eliminazione. Stanno già fioccando fotogrammi in cui Jimenez tocca prima la palla o si intravede un mani atalantino in area allo scadere: provo un certo fastidio, onestamente.  Non me ne frega una mazza di queste cose, non dopo una sconfitta così. Non è ammissibile prendere gol un minuto dopo che si è passati in vantaggio allo scadere del tempo. O per lo meno non lo è per una squadra forte e ambiziosa come in teoria dovrebbe essere la nostra ma che in pratica non è, o non  è ancora. L’Atalanta ha rischiato pochissimo quando l’abbiamo messa sotto e ci ha fatto vedere i sorci verdi quando lei ha messo sotto noi. Ha meritato il passaggio del turno, tutto qui. Altro che Di Bello.

38 commenti su “MILAN-ATALANTA 1-2 (COPPA ITALIA)

  1. Il rigore non c’era ma concordo che non va dato nessun alibi, stasera abbiamo fatto schifo. Testa all EL, preparati Klopp stiamo arrivando 😀

  2. Giusto per ribadire quello che ha scritto marcovan riporto il mi commento alla fine del primo tempo:
    Facciamo una fatica bestiale per non rimediare nulla. Per andare a rete il gol se lo devono inventare sempre quei due. Loro, come nella partita di campionato, ogni volta che vengono su danno la sensazione di farci molto male. Demerito e merito di Pioli e Gasperini?
    La vedo molto complicata. Abbiamo un gioco dispendiosissimo che alla fine si può pagare.

    Però al di là di tutto e certe cose fanno molto più male quando non sei in giornata, questo non è mai rigore. E siatene certi che a quelli là se l’avessero fischiato sarebbe intervenuto il VAR. Probabilmente avremmo perso lo stesso, ma la manina che ti da la spinta sott’acqua quando stai per annegare fa molto male.

  3. Che dire… vedo il post e mi spiace ma la realtà è quella e lo condivido i toto…

  4. Oltretutto, rigore giusto o meno, il “miglior portiere del mondo” (a detta dei soli milanisti) Mike para tipo un rigore ogni due anni. Gli altri hanno portieri che parano tipo 3 rigori a stagione, noi no. E anche sui tiri rasoterra da fuori o dal limite, da un annetto ne para uno ogni tre, ormai. Però sai che bello vederlo rinviare con lanci di 80 metri, o uscire a metà campo sull’uomo? Stiamo stravolgendo il buonsenso nel calcio, pure con i portieri. Ma se prima di un anno fa Mike sembrava un gladiatore esaltato, ora è un portiere qualsiasi, di quelli che ne trovi a raffica tra Francia e Belgio, anche nelle categorie miniri. Già finito l’entusiasmo?

  5. Giustiziere, si il rigore dato non c’era vero mentre il precedente non dato molto probabilmente c’era… noi ci lamentiamo per quello dato e loro per quello non dato … gli episodi certo possono influire ma dipende molto dal gioco che tu sai esprimere e anche questa sera alla fine più occasioni le hanno avute loro

  6. “Nico stai pisciando fuori dal vaso.”
    Qui invece condivido….
    Nico scusa ma non capisco proprio questo tuo post

  7. C’è una piccola differenza però, mabell. Il VAR avrebbe dovuto richiamare l’arbitro sul rigore dato per fargli vedere che Jimenez tocca nettamente il pallone e poi la gamba. Sul presunto rigore per loro c’è una spinta che normalmente non può essere valutata con il VAR per forza e intensità. Se l’avesse fischiato sarebbe stata la stessa cosa, il VAR non può intervenire. Poi non ho visto l’ultimo episodio, ma questa volta, forse la prima, la società finalmente si è lamentata.

  8. Il senso del post è doppio. 1. Mike non è il massimo sui rigori, almeno al Milan, ne para pochissimi, le statistiche sono lì a dirlo, e in più non mi sembra nemmeno “impeccabile” sui tiri rasoterra da fuori, quindi non so se sia giusto definirlo il miglior portiere al mondo. 2. Mi sembra che l’entusiasmo che ha mostrato nella prima stagione, diventando subito un leader, sia calato molto, non mostra più quella reattività che faceva la differenza (poi una parata decisiva ogni tanto la fa, è innegabile, ma ormai una tantum), e secondo me può dipendere dalla consapevolezza di non essere in una squadra vincente. C’è però anche la solita critica al “non gioco”, nel post, su cui Mike non ha colpe, “non gioco” che prevede un Mike che imposti com rinvii da 80 metri. Rinvii belli, ma dopo un po’ scocciano, non è il massimo vedere una squadra basarsi sui rinvii del portiere, poi non saprei. Non vedo invece altri sensi, nel mio post, che altri vorrebbero vedere (e occhio alle accuse false, come dicevo in altri lidi).

  9. Nico hai detto una cazzata mostruoso: MIKE è il MIGLIOR portiere al mondo.
    Concordo naturalmente col post del boss. Inutile dare colpe a Di Bello (che ne ha) minutaggio di recupero compreso. 4 minuti un’inezia!!! Ma anche se ne avesse dati 20 non avremmo mai segnato.
    Purtroppo dopo le vittorie con Sassuolo, Cagliari ed Empoli ci eravamo illusi. Ieri sera siamo tornati nella nostra realtà che sarà questa fino a fine stagione, altro che accoppiata C.I e E.L.
    Leao – l’unico a salvarsi al pari di Theo, anche se naturalmente ha giocato partite migliori.
    Theo – idem come Leao.
    Musah – veramente impresentabile ieri sera.
    Pulisic – non ho capito se per ordine di Pioli, ma non mi è piaciuto come ha giocato ieri sera.
    Jimenez – dopo gli elogi (meritati) di martedì scorso, ieri sera colpevole in entrambe le marcature. Nella prima fuori posizione e la seconda ha provocato il rigore che si poteva anche non fischiare. Ma ci sta, non è una bocciatura definitiva, ci mancherebbe. È un ragazzo di ottime prospettive, naturalmente deve maturare e fare esperienza e la società deve fare di tutto per tenerlo a Mialno.
    Pioli , come la squadra anche lui ci aveva illuso nelle tre precedenti vittorie, ma lo vedo in panchina inerme e senza darei giusti consigli. Si incazza o esulta come un tifoso qualsiasi. -5 mesi (speriamo).

  10. Zio Zully, non sto dicendo che non possa diventarlo. Anzi, per me c’è stata una stagione, 2021-2022, in cui se non è stato il migliore, era sicuramente tra i primi 3 al mondo. Attualmente mi sembra calato. Già in Serie A, secondo me, Sczcesny al momento è più completo.

  11. Giustiziere, rivedendo l’azione attentamente, è vero, quello non è mai rigore. Ma rivedendo la spinta di Reijnders, sullo zero a zero, quello invece è sempre rigore. Di Bello ha arbitrato male, ma a danneggiarci siamo stati noi stessi. Finora abbiamo cannato tutte le partite importanti, a parte quelle contro le due romane. Non è un caso.

  12. il primo tempo non mi era dispiaciuto, al gol ho pensato che era un vantaggio giusto per quanto visto.
    Nemmeno il tempo di rimettersi in ordine e puff…tutto svanito per i soliti blackout.
    Per quanto possa sembrare superfluo, i due episodi incriminati del rigore concesso e quello negato, hanno purtroppo il loro peso.
    Vero che non dobbiamo dare alibi per l’arbitraggio ma quegli episodi hanno cambiato comunque la partita.
    Che poi noi siamo fessi e masochisti è un altro discorso e nessuno lo nega, ma non è che ignorando l’operato sbagliato dell’arbitro e della tecnologia ad esso applicata, facciamo opera di bene.
    Lo dico da tempo, ma è ora di dare un giro di vite alle manfrine che fanno i giocatori quando si rotolano per terra contorcendosi come se un Tir li abbia investiti o che si toccano la testa quando il colpo è sul piede salvo poi rimettersi in piedi in un lampo e proseguire a giocare come se un miracolo divino li abbia salvati. E lo stesso discorso va fatto per gli arbitri, ormai gli errori sono in continuo aumento. Non c’è squadra che non abbia subito torti più o meno gravi e non abbia espresso lamentele.
    I vertici di AIA, Lega e FIGC sembrano disinteressarsi del problema e snobbano tutto, salvo però programmare partite a ripetizione per fare incassi.
    Prima o poi la credibilità verrà meno e il tifoso o il semplice spettatore finirà con il dedicarsi ad altro invece di foraggiare le casse di questi carrozzoni.

  13. Finora abbiamo cannato tutte le partite importanti, a parte quelle contro le due romane. Non è un caso.
    Concordo perfettamente, anche perchè avevo scritto più o meno la stessa cosa ieri sera a fine partita “Siamo una mezza squadra che potrebbe, ma non è. La fotografia di una società che non ha un’identità. Ogni volta che pensiamo di avere raddrizzato la baracca ci accorgiamo che erano solo puntelli che non tengono.
    Però mi sono rotto i coglioni di dover sempre accettare certe cose perchè in fondo non ce le meritiamo. Alle merde non riservano questo trattamento. Poi continuo ad essere convinto che il rigore per la Dea, che probabilmente c’era, è un fallo da fischiare sul campo, mentre il nostro è una valutazione oggettiva di un tocco sul pallone (nella seconda inquadratura del video che ho linkato nel commento sopra si vede che è netto). Non vorrei che il tutto rientrasse nelle antiche “compensazioni” proprio per il rigore non concesso prima.
    Stagione buttata era e stagione buttata resta. L’unico vero obiettivo sul quale si può lottare resta il quarto posto.
    Pioli ieri sera le ha cannate quasi tutte.

  14. Pulisic due stelle – l’unico che nel secondo tempo sembrava aver voglia di ribaltarla
    Theo una stella
    Leao una stella – ma sembra giocare al campetto sotto casa, un momento ara la fascia, il momento dopo ciondola a caso, il momento dopo tenta il tacco al volo o scivola sul pallone mentre prova il trick. Probabilmente non è al 100% dal punto di vista fisico e di conseguenza neppure concentrato.

    Jimenez due bidoni
    Musah un bidone – ma non per colpa sua ma di chi lo schiera e come lo schiera

    Pioli in versione Pio-li-schiaffi, pollice giù e vorrei essere davvero imperatore al Colosseo con davanti Piolicus gladiatore che mi chiede la grazia; formazione messa in campo in maniera dadaista, partita di fatto giocata in dieci uomoni perchè al solito Musah sulla fascia è nullo a centrocampo e zero assoluto in attacco (non penso abbia fatto un solo passaggio IN AVANTI in tutta la partita, solo appoggi all’indietro). Ad una certa neppure più gli passavano la palla perchè da quel lato non si combinava nulla.
    Poi ovviamente al 70esimo quando è spompato dall’aver fatto avanti e indietro inutilmente fino a qual momento, Pioli lo sposta a far legna interno a centrocampo ma ha la lingua di fuori e può solo rincorrere gli avversari senza costrutto.
    Centrocampo triste nel primo tempo, tragico nel secondo. I rimpalli erano solo degli Atalantini, i contrasti non ne parliamo, sul pressing stendiamo un velo pietoso.
    Una sola azione di squadra ben fatta in 90′ e vien fuori un gol della Madonna. Casualmente quando i giocatori più forti sono nei loro ruoli naturali. Ma Pioli versione piccolo chimico preferisce i ruoli distribuiti a caso, probabilmente non si è accorto che tra Gabbia Simic (entrato bene in partita e sempre sicuro dei propri mezzi) Kjaer Terracciano ormai i centrali per fare una difesa a quattro ruolo per ruolo glieli hanno dati.
    Prestazione nostra di una pochezza rara.

    All’inizio della stagione scorsa Pioli in una intervista spiegava la sua idea di un calcio di “posizioni nella partita” invece che di “ruoli ben definiti”, perchè i giocatori avrebbero dovuto muoversi in campo e leggere i momenti quasi in maniera autonoma, saper difendere ma anche saper attaccare, robe così.
    All’epoca mi esaltai, lo ammetto.
    Vedere ieri sera come è collassata la fase difensiva sul gol dell’Atalanta con tre giocatori fuori ruolo e fuori posizione – anzi quattro con Musah che è in ritardo a chiudere – che poveretti si trovano 1vs1 e si fanno infilare come dei tordi, mi ha depresso, invece.
    Ormai il giochino a Pioli è esploso tra le mani come un petardo di capodanno. Hai voglia a cercare di raccattare i cocci con lo scotch!
    Poi in aggiunta ci dobbiamo sorbire Stadioni che spera nella cancellazione della Coppa Italia (“Partita inutile”) e Furlano che minimizza (“Eh speravamo meglio in campionato, Champions e Coppa ma va bene lo stesso, avanti così”).

  15. io non condivido per niente.
    Bisogna essere realistici: i nostri centravanti non hanno caratteristiche adatte al nostro gioco.
    Questo è un limite e anche un errore di programmazione.
    Ci sono motivazioni e giustificazioni ma – di fatto – sia con Giroud che con Jovic giochiamo con un un uomo in meno. Poi magari fanno gol bellissimi ma in fase di manovra non ci sono.

    Detto questo, con i nostri limiti attuali: siamo scesi in campo benissimo, non bene: benissimo.

    Abbiamo pagato una disattenzione dopo il nostro gol. E questo è stato grave
    Abbiamo pagato un grave errore arbitrale – doppiamente grave – perchè non andare al VAR ha innervosito la squadra che si è ritrovata con i fantasmi del “gira tutto contro“.
    Tra cui il fatto che arriva un centrale e deve uscire per infortunio.

    Infatto i dieci minuti successivi sono stati i nostri momenti peggiori, di caos e frenesia.

    Poi ci siamo ripresi e abbiamo lottato bene. Abbiamo anche avuto le nostre occasioni.

    Dobbiamo rientrare degli infortunati e degli assenti.

    Rigori:
    quello dell’Atalanta ormai è chiaro che non c’era. In diretta sembrava evidente ma non c’era.
    Forse uno per loro ( forse, discutibile)
    Forse uno per noi alla fine ( forse, discutibile)

    Arbitraggio quindi sfavorevole nei fatti e pessimo nell’atteggiamento.

    Avevo visto l’atalanta a Roma: era in salute e mi aspettavo una partita difficile, soprattutto fisicamente. Mi sembra che sia stata così.

    Capisco lo scoramento ma prendersela anche con maignan mi sembra indice di eccessivo pessimismo.

  16. Maignan non c’entra un tubo, se cominciamo a mettere in dubbio pure lui, così come Theo, Rafa e Christian, è finita. La sfiga e l’arbitraggio c’entrano un po’ se parliamo dell’intera stagione, ma non della partita di ieri. Siamo andati in vantaggio pur non avendo concluso molto in porta e pur avendo evitato un rigore contro (che c’era, altroché), ma tutto sommato meritatamente. Eppure alla ripresa del gioco abbiamo dilapidato immediatamente tutto ciò in un minuto con un atteggiamento difensivo raccapricciante. Poi nel secondo tempo ci hanno messo sotto da subito e meritato il vantaggio ben prima del rigore farlocco. E dopo il vantaggio hanno sfiorato il terzo un paio di volte. Di Bello è scarso, ma sentir parlare eccessivamente di lui mi fa sembrare di essere capitato su Bausciacafè…

  17. Di Bello prima ci ha graziati non dando un rigore contro che obiettivamente c’era poi gli ha concesso un rigorino che poteva anche non dargli… ma no è certo lui il responsabile della sconfitta.. non sarà un grande arbitro ma per favore DI BELLO non è certamente LO BELLO (per chi qui lo ricordano) anche se i nomi si assomigliano

  18. Non perdonerò mai a Pioli l’aver sfasciato volontariamente il nostro vero punto di forza decisivo per lo scudetto, l’asse mancino Theo Leao, per le paranoie del guardiolismo di far giocare i terzini mediani. Meriterebbe l’esonero solo per questo. Non voglio parlare della situazione infortuni di cui lui è parte integrante o quanto meno corresponsabile. E neanche della totale assenza di gioco e dei soliti errori strutturali di lasciare la difesa esposta alle imbarcate. A giugno pretendo il cambio di guida tecnica, anche in caso di qualificazione champions contro il nulla (Napoli spogliatoio distrutto, Rometta mediocre).
    Non voglio uno come Italiano, altro fenomeno dalla difesa alta che prende 6 gol dall’Inter, mediocre come Pioli.

  19. @Il Conte Franz
    se uno si ferma a pensarci è incredibile: siamo una squadra in piena crisi da gennaio scorso, certo con periodi più brillanti e altri molto meno ma mai davvero “guariti” da un anno a questa parte.
    Ogni allenatore del mondo da quando è stato inventato il calcio in queste situazioni cerca prima di tutto di aggiustare la difesa, ché il buonsenso dice “Prima non prendiamole e poi magari vediamo”.
    Per tirarci fuori dal fosso, invece, Padre Pioli si è inventato questo delirio di 5-0-5 che funziona una volta su cinque, casualmente contro avversari di livello penoso come Cagliari ed Empoli. Contro pari livello o superiori sono schiaffi sicuri o quasi.
    Portasse risultati almeno! ché il 4-2-WLAFIGA di Leonardo al confronto era uno schiacciasassi affossato solo dal destino cinico e baro.

  20. A mente fredda e rivendendo le azioni il rigore per l’Atalanta ci stava, netta la spinta di Reijndeers. Ieri sera “a caldo” era sfuggito.
    Ad ogni modo il VAR ha subito recuperato nella ripresa non intervenendo stavolta a nostro favore per ben due volte. La seconda veramente scandaloso.
    Se c’era Barella stava ancora a San Siro a tirare pallonate.

    Questo VAR non serve ad un cazzo e secondo me lo stanno distruggendo volutamente.

    Ghost ha ragione, ma se l’arbitro fosse stato giusto ci avrebbe fischiato contro il rigore di Reijndeers ed una volta in svantaggio saremmo riusciti a pareggiare? La partita sarebbe cambiata sicuramente e nessuno di noi potrà dire se Leao avrebbe pareggiato e se il rigore al 94° realizzato.

  21. Danilo, se, se, se… alla fine siamo fuori da tutto (qualcuno non penserà davvero alla CL?).
    Ieri avevo scritto che Atalanta e Roma erano due gran premi della montagna in senso ciclistico. Il primo l’abbiamo miserevolmente fallito, il secondo poteva essere meno arduo, ma adesso diventa come lo Stelvio.
    Mi dispiace molto, ma purtroppo Pioli ancora una volta non si è mostrato all’altezza della situazione. Si è andato a inventare una formazione assurda giocando con Pulisic e Musah fuori posto che non hanno combinato niente entrambi. Jiemenez è bravo, ma in prospettiva. È ancora molto ingenuo, difende male e ha l’esuberanza e a tratti la presunzione dei giovani. Forse si poteva anche provare Kjaer e Gabbia riportando Theo nel suo ruolo naturale (non per niente il gol, unico vero pericolo creato, è venuto da una loro invenzione). La deve smettere di pensare di essere diventato un genio della strategia e tattica. Più umiltà e concretezza.

  22. Di Bello/Lo Bello a mio avviso c’entra poco condivido “fre” siamo un Milan in crisi squilibrato salvo rare occasioni da più di un anno… senza dimenticare che lo scudetto è stato vinto con un finale dove non si prendevamo goal, poi abbiamo cambiato, difesa molto alta squadra sbilanciata in avanti m anonostante questo si fatica tantissimo a segnare e prendiamo più goal.
    Poi quest’anno altra novità, quante rimonte subite non solo dal vantaggio minimo ma anche dal due a zero e se la cosa si ripete non è un episodio non è un fatto casuale… i da addebitare al Lo Bello del momento… ragazzi ok un rigore contro non dato e uno dato che non c’era ma alla fine le maggiori occasioni sono state quelle dell’Atalanta

  23. A sto punto è molto probabile che si perda anche lo spareggio contro il Rennes. E sarà apoteosi. Fuori da tutti e 4 gli obiettivi a Febbraio. Un ennesimo record del COOOOOAAAAACCCHHH.

  24. Ringrazio infinitamente lo staff di questo blog, loro sanno il perché. Buona sera a tutti

  25. Ueee Gaspare. Mi manchi ogni volta! Ma alla fine ne ci ritroviamo sempre!

  26. Abbraccio Gaspare, per cui ho sempre enorme rispetto, e in suo appoggio vorrei dire che essere perseguitati su ogni blog con false accuse di trollaggio, è al limite dello stalking (oltre che diffamatorio). A me è capitato personalmente di essere perseguitato su altri lidi, nel mio caso non ero accusato di trollaggio, ma ero pubblicamente indicato come colpevole di cose molto più gravi, falsamente. E fioccarono le “buste verdi”, mi vidi costretto a farlo (e ho avuto le mie soddisfazioni a riguardo). Ognuno usa i social e la rete come crede. Ma poi ne paga le conseguenze, se qualcuno si incazza seriamente.

  27. Saluto l’amico Franz e sottoscrivo il caro Nico, che ringrazio. Fortunatamente questo blog è differente rispetto agli altri lidi di cui sopra, qui abbiamo teste pensanti e persone intelligenti a gestire il tutto.

  28. Beh, però se ogni blog ha avuto la stessa impressione due domande me le porrei.

    Comunque l’importante è rispettarci fra noi e rispettare la natura di questo blog. Non siamo bambini e non è necessario ripetere come ci si deve comportare qui. Credo che ormai lo abbiate capito tutti, compreso Gaspare, che se ne ha voglia sa argomentare in modo interessante.

  29. esatto, e da oggi lo farò, con supremo stupore di Ghostrider

  30. Il vecchio Ghost adora essere stupito in modo supremo. Ne sarà felicissimo.

  31. esatto, e da oggi lo farò, con supremo stupore di Ghostrider

    io prometto e mantengo ciò che prometto, con suprema semplicità. Spero tu abbia letto l’email che ti ho mandato. E andiamo con lo stupore allora…

    Il vecchio Ghost adora essere stupito in modo supremo. Ne sarà felicissimo.

    Ah si, puoi ben dirlo 😉

  32. Leggo di rrioma in crisi, sono sicuro che nell’immensa magnanimità della nostra squadra sapranno come risollevarli. Nel frattempo, Krunic in Turchia sembra oramai confermato, a quanto pare Terracciano è considerato il suo sostituto, che comunque mi è piaciuto al suo esordio. Aspettiamo fiduciosi un Difensore Centrale

  33. Il vecchio Ghost adora essere stupito in modo supremo. Ne sarà felicissimo.

    Ah ah ah

    Tanti saluti a Krunic che fino ad un mese fa nulla da dire la maglia se l’è sempre sudata. Poi cosa sia accaduto solo il coach lo sa.
    Si Terracciano anche a me è piaciuto ed è molto giovane. In ogni caso abbiamo bisogno di ulteriori acquisti se vogliamo centrare qualcosa questa stagione. Ormai di concreto penso solo la zona Champions. La E.L. rimarrà un sogno che mi porto dietro dalla semifinale col Tottenham, del 1972.

  34. La reazione scomposta di Rocchi ha il sentore della famosa coda di paglia. Ributtare addosso alle società e ai giocatori le responsabilità dei loro errori è sintomo di debolezza.

I commenti sono chiusi.