Mi duole ammetterlo, ma l’esclusione del dentone ha partorito la miglior partita stagionale del Milan. Il trio d’attacco è apparso più vivace ed entusiasta, oltre che devastante. Un applauso a Carletto, era da tempo che desideravo con tutto il cuore dedicargliene uno fragoroso.

Lo Spice Boy, pur continuando a non comprendere a quale progetto futuro appartenga, mi piace. Ammiro l’atteggiamento e l’evidente utilità di questo giocatore.

Senderos è stato raccapricciante. Ma attenzione: un bisonte di 90 chili ha bisogno di tempo per rimettere in ritmo-partita il proprio corpaccione. Inoltre, dovrà comprendere che in Inghilterra talune entrate sono concesse e qui no. Secondo me è più forte del tanto invocato Mexes. Autorizzo chiunque lo desiderasse a prendere a pernacchie il sottoscritto se lo svizzero si rivelerà un bidone.

Parliamo un pò di Pato. Anzi no, chi è Pato? Noi abbiamo Balotelli (cit.).

Arbitri.

Mourinho
ne accusa uno di codardia e questi lo caccia senza tremare; poi contesta i sei minuti di recupero perchè aveva paura di una rimonta: ma il codardo non era l’arbitro?
Il Bologna, su due rigori farlocchi identici afferma che l’unico che si doveva dare era quello a proprio favore, perchè il tuffo di Amoroso presentava un maggior coefficiente di difficoltà; sempre il Bologna s’affanna a giurare che il regolamento, sul fallo da dietro, si esprime così: il giallo va comminato a qualunque giocatore, tranne che a Mudingayi.

I Della Valle minacciano dossier perchè non ne possono più. L’anno scorso, quando i "favorini" capitarono a loro e a farne le spese  toccò a noi, siccome sono persone estremamente corrette, avevano pensato di fare esattamente la stessa cosa. Poi hanno detto: "Vaffanculo, sono cazzi loro, noi andiamo in Champions."