Due post consecutivi dedicati al sulfureo Mou. Tranquilli, non sono ossessionato da lui, nè sono stato pervaso dal virus di cui i media italiani paiono ineluttabilmente afflitti, ma siccome il soggetto chiacchiera assai, è abbastanza arduo ignorare le sue ormai quotidiane esternazioni. E poi, fra una stilettata e l'altra, fra una baruffa dialettica con gli addetti ai lavori e l'altra, questo tizio, nel momento in cui decide di parlare seriamente di pallone,  dimostra di possedere una notevole chiarezza d'idee, e attributi non da poco.

Qui c'è poca roba, ma sulla Gazza cartacea ho letto la sua intervista per intero, la quale è assai interessante. La riassumo in breve: questo rompiballe portoghese, oltre ad aver informato Moratti che la Pinetina sarebbe da ristrutturare perchè così com'è non è di suo gradimento, gli ha detto chiaro e tondo quali sarebbero i suoi progetti tecnici per il futuro, allo scopo di migliorare una squadra che, si badi bene, è già forte e sta dominando il campionato italiano da tre anni. Niente di fantasmagorico, sia chiaro. Soltanto qualche semplice concetto che un grande Club dovrebbe mettere in pratica ogni qualvolta ve ne fosse necessità, ovvero quando la baracca è ancora sana ma denuncia qualche scricchiolio un pò qua e un pò là. Ogni riferimento ad altre società è tutt'altro che casuale.

Le vie del Mou sono soltanto due: tre o quattro giovani di valore da affiancare a Santon e Balotelli, nella consapevolezza che vincere nell'immediato sarebbe molto più arduo; oppure quattro giocatori già affermati. Punto. Semplice ma nel contempo efficace. La prima opzione secondo me è quella che l'attizza di più, la seconda è –  sempre secondo me – una provocazione. Come dire: ti faccio spendere poco ma abbi pazienza, oppure fai ciò che credi, spendi una barca di soldi col rischio di non vincere un tubo comunque. Vi sarebbe anche una richiesta che comprenderebbe entrambe le vie: rosa più ristretta, per consentire ad ogni giocatore di sentirsi importante.

Questo, a casa mia, si chiama progetto serio. Vedremo che cosa risponderà Moratti, che a dire del Mou sta ancora tentando di capire (eppure non mi sembra così complicato, a meno che non gli abbia parlato in portoghese). Speriamo che Massimo s'incazzi a fronte di tanta presunzione, lo esoneri e poi faccia di testa sua. Per noi sarebbe la soluzione migliore.