Dunque, giunti a questo punto, non m’importano le balle raccontate da più parti, anzi, a dire il vero, non m’importa più nulla: il campionato è ormai ricominciato, tanto che potremo finalmente vedere dal vivo e più da vicino i risultati di questa preparazione…

 

In pratica, questa stagione nasce all’insegna dell’incertezza più totale; se dovessi pensare ad un qualcosa di simile nella storia del Milan, penserei alla stagione del Milan targato Zaccheroni, che, proprio 10 anni fa, riuscì nell’impresa di vincere uno scudetto indimenticabile, complici una Lazio particolarmente competitiva ma anche una buona dose di fondoschiena…

 

Le domande sulla nostra squadra sono tutte legittime: Siamo ormai vicini all’orlo (del baratro)? Ci aspettano una rinascita o una nuova caduta? Percorreremo una scalinata verso il Paradiso o un’autostrada verso l’Inferno? Il nostro allenatore (chi, poi, Tassotti o Leonardo?) avrà gli attributi o sarà solo un fantoccio? Riusciranno giocatori supersconosciuti a farci fare un salto di qualità?

 

Le domande, evidentemente, sono tutte più che legittime: i veri riscontri ci potranno essere forniti solo dai punti che saremo in grado di fare (oltre al gioco che sapremo esprimere e dalla voglia di fare bene in campo)…

 

La mia speranza, vista che questa è, in effetti, una stagione destinata al basso profilo, è che non ci si abbandoni a facili considerazioni a ruota libera e dettate da atteggiamenti paranoici…

 

Detto questo, buon campionato a tutti (tranne ai porci gialloblu scaligeri, che quelli lì vengano colti tutti dalla peste)… ;)))))