Okay dài, lo dico, è un pò che ce l'ho nel gozzo. Si è già sussurrato a denti stretti un pò qua un pò là ma nessuno s'è mai pronunciato con certezza.  Lo pensiamo tutti ma abbiamo paura di eventuali spernacchiamenti. Soprattutto abbiamo paura che sia tutto vero. Ed i "Silvio resta" si sprecano.  Personalmente non sono un fan di Silvio, in venti e passa anni l'ho sempre ringraziato (da milanista, sia chiaro) ma mai l'ho idolatrato. Per me può anche vendere anche se prima di festeggiare o disperarmi vorrei vedere a chi. Ma torniamo al punto, ossia che stiamo per essere venduti. Stamattina mi sono svegliato con questa certezza.

La recente smentita-Fininvest la vedo come una conferma. Ogni volta che qualche giornale fa balenare l'eventualità di una cessione il Gruppo s'affanna a smentire. Sempre. Che bisogno hai di smentire così seccamente e puntualmente mi domando? Lascia perdere no? Se non hai intenzione di vendere lasci che i media si sputtanino da soli e sei a posto. Ti pare?

Suvvia, finiamola di nascondere la testa sotto la sabbia. Il braccino corto di uno degli uomini più ricchi e potenti del mondo, la "promozione" di un non-allenatore ad allenatore, l'evidente nervosismo dell'arrogantissimo Fester nei confronti di un contrito Alciato su questioni di lana caprina tipo il numero di spettatori paganti e non (io l'avrei spedito affanculo in diretta e ne avrei approfittato per affibbiargli quel calcione nel culo che ho in canna dalla vergogna di Marsiglia e dallo "spinga spinga" telefonico con Meani), giocatori (i quali per solito hanno un olfatto acutissimo per queste cose) che – è palese – si trovano in stato confusionale ed hanno più l'aspetto di bimbetti che non trovano più i genitori al supermercato piuttosto che quello fiero e deciso di atleti professionisti.

Tutti questi indizi non fanno una prova schiacciante?

Altra certezza: non sarà dopo il prossimo match contro l'Atalanta (forse), ma sarà quello dopo o quello successivo,  Leo torna dietro la scrivania. Perchè un Milan in B, Silvio sarebbe costretto a tenerselo controvoglia.