Romero continuò. Fu come una lezione di tauromachia. Tutti i passaggi erano collegati, tutti portati a compimento, tutti lenti, sobri, armoniosi. Niente trucchi e niente mistificazioni. E neanche gesti bruschi. Ogni passaggio, quando arrivava al culmine, ti dava una fitta improvvisa. La folla avrebbe voluto che non terminasse mai.() Si mise di profilo esattamente di fronte al toro(…)Il toro caricò e Romero attese la carica (…) Poi, senza avanzare di un passo, divenne una cosa sola col toro e la spada era in alto tra le spalle, il toro aveva seguito la flanella svolazzante, che sparì quando Romero saltò d’un balzo a sinistra; e fu la fine.(…)Il toro giaceva nero e pesante sulla sabbia, con la lingua di fuori. "

Cosi, parafrasando le frasi di Ernest Hemingway, abbiamo la ricostruzione più fedele di Real-Milan.
Un torero, infinitamente più debole dell’animale riesce con grazia e classe a domare il cornuto animale, che si ritrova senza forze per terra.
Tra Kakà, Benzema, Raul e vari sono tutti usciti con la lingua di fuori. Travolti da un ostacolo che pareva insignificante e che eppure si è rivelato un masso troppo pesante da spostare.

Adesso c’è il secondo round.
Il torero non deve commettere l’errore di sottovalutare il toro, altrimenti l’animale seppur ferito mentalmente, non aspetterebbe neanche un secondo per incornarci e rispedirci esattamente ove eravamo prima della partita del Bernabeu.
Plaza de Toros (S. Siro), è tutta per voi. In un delirio di rossoner amore. Andiamo ragazzi, dimostriamo che l’abile schivata con la quale abbiamo eluso il toro non è stato un colpo di fortuna isolato.
Ronaldinho, Pato, Pirlo, Seedorf, Ambrosini, Nesta, Thiago Silva, Dida, armatevi di coraggio, il toro ora è solo, messo in discussione da tutti, cova al suo interno una grossa rabbia, che potrebbe esplodere in un suicidio od in un omicidio e non vede l’ora di dimostrare di essere ancora lui il padrone dello stadio.
Toro che però è gia stato sottomesso. Allora perchè non farlo ancora e definitivamente un’altra volta???
Conquistiamo, di nuovo, il nostro stadio. Sottomesso il toro si può pensare di provare a sottomettere anche animali più grossi.
Solo chi osa vince!
Dai ragazzi!

VAMOS!!!!!