Due partite per capire chi siamo. Due partite per capire dove andiamo.

Sampdoria Non possiamo fallire. Inutile negarlo. Qualunque risultato provenga da Torino andrà bene solo e soltanto se noi saremo usciti vincitori dall’incontro pomeridiano. Conta vincere, giocare bene in questi due incontri potrebbe anche risultare un fastidioso optional. La Sampdoria è priva di Palombo, elemento fondamentale. Sabato 5 dicembre racconterà molto della nostra stagione, del nostro campionato. Non voglio dare adito a speranze, nè nutrire ambizioni infondate. Giocando e ragionando giorno per giorno, qualcosa di piacevole potrebbe accadere. Mostriamo cuore e voglia di vincere, poi succeda quel che succeda.

Zurigo In un certo qual modo potrebbe valere il discorso fatto sopra, ma non poi così tanto. Dobbiamo vincere per dare un peso alla nostra presenza europea, un peso alla nostra eventuale qualificazione. Perdere o pareggiare con lo Zurigo, oltre a compromettere il nostro cammino, ci farebbe perdere quell’alone di rispetto e ammirazione che ci riveste in Europa. Una squadra eliminata o passata fortunosamente, avendo prodotto 0 o 1 punto con lo Zurigo, sarebbe una squadra monca e non temuta. Vinciamo in Svizzera, laviamo l’onta della sconfitta casalinga per dire: ci siamo anche noi!

Ci sarebbe poi anche il Palermo, ma arriva a San Siro la settimana dopo. Un altro incontro casalingo, un’altra vittoria se vogliamo veramente essere e andare…

Gioco Vediamo un po’ chi indovina questa settimana…

Indizio n. 1: Dopo sono andati a Berlino