Questo è un trucco che solitamente si usa quando non si hanno idee da scrivere o tempo di scrivere, quindi non mi posso esimere dall’ammettere tale fatto.

Come per tutte le cose esiste un "però". Il "però" nasce dal fatto che molto si è detto e scritto in queste ultime 2 settimane. Settimane che dovevano riportarci alla gloria. Settimane che ci hanno ricondotto in un dignitoso anonimato (se così si può chiamare). Vi pongo allora 10 domande inusuali, 10 domande che forse meritano maggiore approfondimento. Attendo le vostre risposte, le vostre considerazioni.

1 – La sola assenza di Nesta può aver determinato un approccio così remissivo nel Derby?
2 – Huntelaar ha scavalcato Inzaghi per meriti o si cerca solo di dare un senso ad un acquisto sino ad ora deludente?
3 – Beckham nella posizione di esterno destro offensivo è veramente utile?
4 – Gattuso sta dimostrando sul campo di meritare il rinnovo concesso?
5 – Cosa separa effettivamente il Milan dall’Inter e come possiamo colmare questo gap?
6 – Mancini, ci serviva veramente?
7 – Quale ruolo riveste ora Braida in questa società?
8 – Il pareggio con il Livorno non ricorda una di quelle brutte occasioni perdute delle ultime gestioni italiane di Ancelotti?
9 – Avete un nome, almeno uno, di un calciatore che concretamente potrebbe cambiare le sorti e la fisionomia di questa squadra?
10 – Se schierassimo Megan Fox in biancheria intima nel ruolo di centravanti, le difese avversarie non andrebbero maggiormente in difficoltà?

Quesiti veri, quesiti esistenziali.

Rispondete.