Grande Pellegatti. Non tanto per l'articolo in sé, non si tratta di un capolavoro. E a dirla tutta neppure un  eventuale arrivo di Lippi come Dittì  mi fa impazzire di gioia (a proposito, che cacchio fa un Dittì?). "Grande Pellegatti" per  la diabolica leccata di fondoschiena che ho evidenziato in rosso nell'ultimo paragrafo. Ricordate chi storpiò nello stesso modo il nome del baby-attaccante?