Continuiamo a monitorare la situazione, non molliamo l'osso.

Ancora nulla, un altro giorno di silenzio totale sul fronte Milan. Nel frattempo tutti fanno qualcosa, tutti hanno già fatto qualcosa. Che so, la Nazionale ha già nominato Prandelli come successore di Lippi, la Roma ha preso Simplicio, la Viola Mihaijlovic, la Juve Marotta e Del Neri.  La Schiavone ha fatto più di qualcosa, è approdata alle semifinali del Roland Garros, prima giocatrice italiana dopo mezzo secolo abbondante, battendo la numero tre del mondo Wozniaki (bella figa, tra l'altro).


Tutti fanno qualcosa, il Milan non fa un cazzo, manco l'allenatore viene annunciato. Al massimo,  il Milan, nella persona dello specialista Zio Fester, si sveglia ogni tanto dal torpore e spara qualche  balla, tanto per non perdere l'abitudine.

Fa caldo. Siamo stufi. E annoiati. Ma continuiamo a vigilare. Consoliamoci con la Schiavone (ma mettiamo la foto della sconfitta  Woszniaki, che si fa preferire).