Li abbiamo attesi a lungo, ora, finalmente, ci siamo: partono oggi in Sudafrica i campionati del mondo di calcio, evento che per la prima volta verrà disputato nel continente nero
 
Il Sudafrica è, tra tutti gli stati africani, il più industrializzato e certamente quello con più città adatte ad ospitare le varie fasi di questa manifestazione; un paese in cui ancora oggi molte cose non funzionano, un paese che, comunque, solo di recente sta facendo i passi necessari per abbattere uno stato di cose consolidatosi per tanto, troppo tempo…
 
La mia speranza è che il calcio, oltre ad essere una vetrina di richiamo, possa sensibilizzare nel miglior modo possibile i tanti problemi e contrasti di questo continente; sarebbe davvero bello se il pallone, quello stesso pallone che, soprattutto negli ultimi anni, abbiamo visto troppe volte marcio, corrotto, esasperato da sponsor, milioni, atteggiamenti e persone discutibili, facesse da veicolo per un miglioramento delle condizioni di vita per molte persone
 
Di sèguito, riporto due, ehm, celebrazioni (chiamiamole così) di questo continente e citazioni musicali provenienti da questo paese (ce ne sono, fidatevi):