Siamo a meno due dal raduno in cui sarà presente il proprietario. L'ultima volta che Silvio ci fece l'onore fu tre anni fa. Una vita. Un ulteriore prova, semmai ce ne fosse ancora bisogno, della sua lontananza sia fisica sia mentale dalle sorti della squadra.

Che cosa dirà Silvio alla dirigenza? Lo ignoro, ma presumo ci sia poco da dire perché ritengo che, al contrario di quanto sembra, i suoi contatti con questa parte della società siano assai frequenti, e l'operato di essa a lui più gradito di quanto si voglia dar ad intendere.

Che cosa dirà Silvio alla squadra? Suppongo le solite bugie, ossia che è fortissima e che dovrà obbligatoriamente stracciare gli avversari, compresa l'Inter. Magari caccerà qualcuno sopra un tavolino per improbabili giuramenti. Insomma, una delle solite buffonate.

Che cosa dirà Silvio all'allenatore? Le stesse cose dette alla squadra, facendo capire così  ad Allegri che se le balle  presidenziali non si trasformeranno in realtà il responsabile sarà il tecnico (anche se Allegri, non essendo uno stupido, queste cose le sa già e pur di allenare il Milan le ha accettate volentieri).

Che cosa dirà Silvio alla massa di tifosi incazzatissimi lì presenti per contestare l'immobilismo degli ultimi quattro anni? Nulla, ci farebbe la figura del pirla a parlare da solo.