Okay, neppure la Juve ce l'ha fatta, ha incassato tre pere casalinghe dal Palermo ed è alle nostre spalle per un punto, mentre la Roma si trova ancora distanziata di tre lunghezze. In pratica siamo al primo posto nel gruppo delle squadre che potrebbero essere in grado di contendere lo scudo all'Inter (nell'arte di coniare slogan autocelebrativi e cervellotici Adrianone comincia a farmi una pippa, diciamo la verità).

E dire che c'è ancora qualcuno che si ostina a stressarci col suo pessimismo. Siamo una squadra viva, sana, in grado di riservare ulteriori grandi sorprese ai tifosi.

E soddisfazioni.

Cioé, i DVD interisti di qualche tempo fa che celebravano memorabili passaggi di turno negli ottavi di Champions sono nulla a confronto  di un libro sul mercato estivo rossonero 2010.

No dico: un libro sul mercato estivo! Nessuno ci aveva mai pensato. Adesso mi aspetto nuove idee, chessò, un libro che tratti di quella volta in cui alla fine di un allenamento Acciuga si dichiarò moderatamente soddisfatto dei ragazzi, oppure uno che narri della  particolare perizia con la quale il giardiniere di Milanello, in eccezionale stato di grazia, rasò un giorno il prato del campo d'allenamento.

Una roba da urlo, un capolavoro letterario.  Dal 1 ottobre tutti i cacciaviti in libreria, mi raccomando: "Dream Milan", un sogno che si è fatto realtà.