"E' stato un campionato scarso, mediocre. L'Inter ha perso 3 mesi e mezzo sbagliando campagna acquisti, mentre il Milan ha disputato un calcio difensivo, più italianista rispetto al passato, vincendo 8 volte per 1-0, aggrappandosi a Ibra per larga parte del campionato. Secondo me ha già esaurito il suo ciclo, va rifondato con innesti giovani". (Maurizio Pistocchi)

Non ho mai considerato Pistocchi una cima, non foss'altro perché sono anni che lo vedo fare sempre la stessa cosa e neppure troppo bene. Parlo dell'incarico di esperto di moviola, mestiere che, se fosse per me, sarebbe già estinto da decenni, ancor prima di quello del ciabattino (purtroppo) (quello del ciabattino dico). Oppure sono fuorviato dal fatto che il buon Maurizio è di Cesena, e noi romagnoli spesso non siamo intellettualmente onesti quando dobbiamo giudicare un nostro corregionale, sia in maniera positiva sia negativa; più verosimilmente si tratta di un fatto epidermico: insomma, non ho mai considerato Maurizio una cima perché semplicemente mi sta sui maroni, diciamo le cose come stanno.

In ogni caso, un tizio in più, fra i tantissimi, che mi sta facendo godere con i suoi rosicamenti (a Cesena, da più parti, si sussurra sia interista, e osservandolo attentamente ne ha tutta l'aria). Solo una parte del suo ragionamento (lo so, la parola è azzardata, ma non me ne vengono altre) la trovo intelligente, ed è quella riguardante gli innesti giovani.  Ma è obbiettivamente pochino, in un discorso tanto lungo.