Nocerino al suo sesto centro in maglia rossonera...

Manca ancora il recupero al Sant’Elia contro il Cagliari, ma il Milan chiude nel migliore dei modi il 2011 con un successo netto contro il Siena, squadra in crisi di risultati da quattro partitre consecutive.

Rimanaggiata la formazione, soprattutto in difesa con Amelia, Mexes, Bonera e Taiwo (confermato Thiago) e con il trio Clarenzio, Van Bommel e Nocerino a centrocampo; Boateng a supporto di Zlatan e di Binho (quest’ultimo preferito a Pato)

I rossoneri partono a spron battuto: un bel traversone di Zlatan per Boateng al 6′, uno smarcamento di Ibra un minuto dopo, un colpo di testa involontario del Boa verso Binho sul portiere ospite al 10′ ed un bello scambio tra Seedorf e Nocerino all’11’ la dicono lunga sul tipo di gara che il Diavolo vuole impostare. Ma non finisce qui: tiro ribattuto di Taiwo scaturito da un corner corto per noi al 12′, rimpallo fortunoso e vincente di Ibra che però spara alto al 15′, un perentorio affondo di Binho al 17′ e – soprattutto – un assist per Kevin Prince che cerca il secondo palo (bravo però Brkic a deviare) al 19′ non dovrebbero lasciare spazio a dubbi sulla caparbietà da parte dei ragazzi nel cercare una vittoria fondamentale dopo i pareggi di Firenze e Bologna.

Il Siena sembra davvero poca cosa, ma l’occasione più ghiotta per sbloccare il risultato arriva proprio sui piedi di Bolzoni (il più pericoloso tra le fila degli avversari) al 22′: bravo a superare in uscita Amelia e complice anche una difesa tutt’altro che attenta, il pallone uscirà di pochissimo a lato. I toscani sembrano prendere un po’ di coraggio con un angolo a loro favore al 26′, ma presto il Milan riprende le redini del match, con una pessima conclusione di Taiwo ed un tiro di prima di Seedorf sul primo palo nei minuti finali; ci sarebbe spazio anche per un ultima occasione, peccato però che l’arbitro Bergonzi, appena scoccato il 45′, non permetta lo sviluppo dell’azione mandando tutti negli spogliatoi.

Si arriva così alla ripresa: al 54′ il gol del meritato vantaggio grazie ad un giocatore che non finisce mai di stupire, un Nocerino che supera il portiere ospite sfruttando al meglio un appoggio all’indietro di Robinho su corner; otto minuti dopo, invece, l’episodio che segna il risultato sul definitivo 2-0, ossia il rigore (tocco – anche se sarebbe da rivedere – di Brkic sul Boa) segnato da un Ibra oggi un po’ appannato.

Nel secondo tempo c’è spazio anche per Aquilani, Pato ed Emanuelson in sostituzione di Seedorf, Binho e Boateng; il Siena tenta di riaprire la gara con un tiro di Bolzoni sul quale Amelia si supera al 77′, ma sarà ancora il Milan a rendersi pericoloso soprattutto con Pato in almeno un paio di situazioni. Il triplice fischio di Bergonzi ci regala la momentanea vetta della classifica.

CONSIDERAZIONI:

Bene così, occorre dare continuità ai risultati e lo stiamo facendo nel migliore dei modi; la difesa ha retto molto bene e mi è piaciuta la fame di vittoria mostrata dai ragazzi fin dal primo minuto. La speranza è quella di approfittare nel migliore dei modi della sosta natalizia per ricaricare le pile e far ritrovare la condizione a qualcuno dei nostri. Taiwo ancora un po’ acerbo, Ibra stanco, Nocerino super, buoni dialoghi tra Seedorf, Boa e Binho.

Ora a Cagliari