A TUTTO CAMPO….GHOST TO GHOST

Le partite di Sabato 4 Febbraio 2012:
Ore 15:00: Cesena (16) – Catania (23): I romagnoli hanno pareggiato a reti inviolate con il Napoli, i siciliani a riposo per la sospensione della partita. Rinviata
Le partite di Domenica 5 Febbraio 2012:
Ore 12:30: Genoa (27) – Lazio (39): Liguri che non hanno giocato l’ultimo turno e romani che hanno ci hanno regalato due calci nel sedere.
Ore 15:00: Chievo (27) – Parma (24): Veneti vincenti con il Novara, ducali freschi e riposati dal turno sospeso.
Ore 15:00: Fiorentina (25) – Udinese (41): Viola, anche loro esentati dal turno infrasettimanale, Friulani che hanno ricominciato la serie vincendo con il Lecce .
Ore 15:00: Juventus (44) – Siena (19): Bianconeri piemontesi giustamente gasati dal nostro passo falso, riposati e pronti a fare un ulteriore passo avanti, contro i toscani che hanno saltato il turno pure loro, ma hanno altri problemi vista la classifica.
Ore 15:00: Lecce (16) – Bologna (21): I salentini hanno perso con l’Udinese e il Bologna non ha, invece, giocato.
Ore 15:00: Novara (12) – Cagliari (26): Piemontesi sconfitti dal Chievo al debutto del Mondo e sardi autori della bella prestazione contro la Roma.
Ore 15:00: Palermo (28) – Atalanta (29): Rosanero che hanno pareggiato a Milano e bergamaschi freschi e riposati.
Ore 15:00: Roma (31) – Inter (36): Giallorossi mazzuolati per bene dal Cagliari e sempre più incostanti, nerazzurri reduci dal pareggione con il Palermo.
Partita da bollino rosso:
Domenica 5 Febbraio 2012
Ore 15:00: Milan (43) – Napoli (30): Il Napoli di quella gran canappia di Walt Crying, viene a trovarci a Milano. L’andata fu 3-1 secco e preciso per loro. Tripletta di Cavani che segnò ad ogni tiro in porta che fece, in risposta al gol di Aquilani di testa su assist di Cassano. Quanto sta mancando, a proposito, il barese? Secondo me, tanto.
Fu la nostra prima sconfitta in Campionato nello scontro con una diretta pretendente lo scudetto. Poi abbiamo proseguito, ahimé. Oggi la situazione è cambiata, almeno per la classifica.
Noi siamo ancora lì a giocarci, anche se con parecchie difficoltà, le carte con la Juventus. Loro sono molto più dietro e a rischio Europa per l’anno prossimo.
Mercoledì sera abbiamo fatto una delle più brutte partite della stagione. Che probabilmente avrebbe preso una piega diversa se nell’episodio del rigore netto non avesse cannato il guardalinee. Anche se non avremo mai la controprova, pazienza.
Purtroppo si è confermata, ancora una volta, la simbiosi tra le nostre prestazioni collettive e gli umori di Ibra. Confido in una reazione, una prova di orgoglio. Soprattutto per non perdere ulteriore terreno dalla attuale capolista.
Che affronteremo, tra l’altro, mercoledì 8 in Coppa Italia. Nulla è ancora perduto, ma la faccenda si è complicata abbastanza per demeriti nostri. Su la testa e guardiamo avanti.

…così, tanto per dire…

Ronaldo: in questi giorni pare abbiano rivelato la verità su quanto accadde nel 1998. Certo che ha corso un rischio mica male, eh? E pensare che gli avevano dato del drogato, dell’ubriaco, del dopato. Vergogna.

Zingari & partite: piano piano i tasselli vanno a completare un mosaico che inquieta. Personaggi, dei quali non  avrei mai dubitato, risultano invischiati per bene. Tristezza.

Scoop: interessantissima questa notizia. Se avanza qualcosa, perché non tentare un approccio con CR9? Boccaloni.