Spagna batte Italia 4-0, gli iberici campioni del mondo si confermano sul trono d’europa. Successo meritato che conferma la supremazia del gioco tikitaka, in una finale che ha visto una partita vera per poco più di un tempo, poi dopo l’infortunio di Motta non c’è stata più gara.

Risultato pesante per gli azzurri autori comunque di un ottimo campionato, che pagano in finale sicuramente la stanchezza accumulata oltre ad alcune scelte scellerate del c.t. Prandelli. Sicuramente è facile giudicare a posteriori, però l’errore di un Chiellini impresentabile sul primo gol e la sua seguente obbligata sostituzione, l’aver puntato nuovamente su Marchisio e gli innesti inutili di Di Natale oltre che dannosi come quello di Motta che hanno obbligato la squadra prima a restare in dieci e poi in nove per i problemi di Balzaretti, sono evidenti a tutti.

Consoliamoci comunque per aver visto un discreto campionato, e per aver goduto ad aver polverizzato i tedeschi gran favoriti.

Onore infine ai paladini alla Travaglio e a coloro che pensano che da domani l’Italia sarà un Paese migliore per il semplice motivo che ha perso gli europei di calcio: speriamo allora di fare una figura barbina anche alle prossime Olimpiadi di Londra.