Due gol, uno per tempo, consentono al Milan di tornare a vincere dopo diversi turni. Contrariamente a quanto visto contro la Lazio all’Olimpico, nel turno infrasettimanale di stasera il Milan si esprime bene, sa sfruttare in maniera cinica le sue occasioni ma sa anche rendersi ulteriormente pericoloso in altre circostanze e sa addormentare per diversi spezzoni di gara la partita…

Oggi decisivo...

Oggi decisivo…

Sugli scudi certamente Supermario, che contribuisce al gol di Mexes al 22′ con una punizione sulla quale Neto non trattiene (il francese segna su colpo di testa) e che ammazza le velleità viola in via definitiva al 63′ ancora su punizione, superando Neto sul primo palo. Il Milan è anche fortunato, se si pensa ad alcune azioni dei viola come un colpo di testa di Matri al 7′ (lasciato completamente libero) e ancora con l’ex attaccante di Milan e Juventus al 48′, sempre di testa. Di contro, i rossoneri hanno diverse chances di chiudere la partita, come ad esempio al 29′ con un bolide di Muntari con Neto che salva in corner e anche in altri casi soprattutto con tiri dalla lunga distanza. La Fiorentina ha un buon momento nei minuti iniziali della ripresa, salvo non pungere più di tanto a lungo andare. Uniche note negative: Honda (il pallone che cicca clamorosamente al 2′ è da licenziamento in tronco) e i tanti ammoniti tra le nostre fila (Balotelli, ma anche Constant, Taarabt, Abbiati, Bonera e Mexes, con quest’ultimo che salterà il match contro il Chievo)…

Ancora un punto e saremo matematicamente salvi; vediamo se si riesce a concludere la stagione con un minimo di dignità…