Seconda trasferta consecutiva per i ragazzi che scenderanno in campo domenica alle ore 15 in quel di Cesena. L’approccio a questa sfida non dovrà essere superficiale, per tutta una serie di motivi: la trasferta di Empoli ha lasciato più ombre che luci e per l’apprendista Inzaghi sarebbe deleterio sotto l’aspetto dell’autostima lasciare altri punti per strada.

uff...

…pfff…

Il presidente onorario non perde infatti occasione per far filtrare il suo umore ad ogni prestazione dei ragazzi, e nonostante siamo solo alla quinta giornata le frecciatine per l’imminente “Pippo in graticola” che mascherano il fastidio di non vedere questi popò di fenomeni al primo posto in classifica con svariati punti di vantaggio sulle avversarie sono di fatto cominciate.

Tuttavia non sarà un impegno agevole però perchè i romagnoli hanno ottenuto i loro primi punti tutti tra le mura amiche, e Cesena non è mai stato un campo a noi molto favorevole; lo conferma anche la statistica che vede su 11 precedenti 5 vittorie per parte e un pareggio.

Non c’è un Cesena-Milan del cuore anche se a me piace ricordare quello del 27 agosto 1989 che ci vide vincenti per 3-0: era la prima partita della stagione e il Milan di Sacchi campione d’europa parti col piede giusto grazie alle reti di Stroppa, Borgonovo e Massaro.

giaguaro di sto cazzo...E’ scontato invece citare quale fu il Cesena-Milan da dimenticare: c’è l’ho ancora impresso nella memoria quel pomeriggio da incubo del 16 maggio 1982. Una rimonta pazzesca dallo 0-2 al 3-2 e l’illusione di aver centrato la salvezza quando sopraggiunse quello stramaledetto gol di Castellini ehm Faccenda….

I rumors, dopo la ormai consueta visita berlusconiana con annessi consigli tecnico-tattici del venerdi danno per domenica il probabile varo del modulo 4-2-3-1 con in campo Abbiati, in difesa Abate Zapata De Sciglio e il rientro importante di Alex al posto di Bonera (ringraziamo Iddio); in mezzo De Jong sarà affiancato da Poli dietro a Honda Menez e Bonaventura. Punta di riferimento ovviamente Torres, mentre El Shaarawy sembra debba cominciare nuovamente dalla panchina.
Personalmente questa disposizione tattica la vedrei a lui più calzante, ma difficilmente Inzaghi rinuncerà a uno tra Bonaventura, che ha sicuramente più gamba di lui o Honda, attuale capocannoniere della serie A.

Il programma completo della 5^ giornata:

Sabato 27 settembre
– ore 18,00 Roma-Verona;
– ore 20,45 Atalanta-Juventus;

Domenica 28 settembre
– ore 12,30 Sassuolo Napoli;
– ore 15,00 Cesena-Milan, Torino-Fiorentina, Chievo-Empoli, Inter-Cagliari;
– ore 20,45 Genoa-Sampdoria;

Lunedi 29 settembre
– ore 19,00 Udinese-Parma,
– ore 21,00 Palermo-Lazio.

Da vedere: sicuramente da non perdere è il derby della lanterna che a ogni edizione regala molte emozioni soprattutto per l’agonismo che viene profuso e le coreografie del pubblico. Una partita che vale sempre la pena guardare: mia previsione 1-1.
Da evitare: Atalanta-Juventus senza dubbio. Una partita dall’esito scritto: i gobbi viaggiano a punteggio pieno seraficamente. In terra orobica non vedo come non possano fare loro i 3 punti e proiettarsi alla sfida con la Roma di domenica prossima in grande forma. Mia previsione 0-2.

Aggiornamento S&B al 25/09/14

S&B