Benvenuto Juraj (con colonna sonora del 2011 di sottofondo) – Oggi niente presentazione della giornata di Serie A, perché voglio raccontarvi del coronamento di un lungo e appassionato inseguimento.

Le oscurità del web ci restituiscono queste parole rilasciate da Enrico Preziosi alla Gazzetta dello Sport: “Le milanesi hanno l’occhio lungo, lo vogliono entrambe. Ma il ceco resta da noi la prossima stagione, anche perché sono stanco di fare rivoluzioni”. Il ceco in realtà era ed è slovacco, il giorno era il 28 aprile 2011 e il giocatore che resta perché Preziosi è stanco di fare rivoluzioni è Juraj Kucka. Erano di quei giorni, infatti, le voci che volevano Milan e Inter sul nazionale slovacco, come il 28 aprile stesso, per esempio, ci informava Pietro Mazzara su MilanNews: “Dopo gli affari della scorsa stagione, il club di via Turati sta visionando con particolare interesse il centrocampista 24enne, di nazionalità slovacca, Juraj Kucka”. Porca vacca, c’è sempre piaciuto, il tipo, sin dalle elementari, poi siamo cresciuti, ci hanno iscritti a scuole diverse, ma l’attrazione è rimasta, e il suo giro di amici lo abbiamo sempre continuato a frequentare, eh: “Il Milan riscatta anche Amelia, Strasser, Paloschi, Zigoni  e Oduamadi.  L’unico giocatore in comproprietà tra le due società sarà l’attaccante Beretta. Sokratis invece passa al Genoa” ci annuncia il 24 maggio 2011 Calciomercato.com, ma di Kucka si è discusso solo nell’ambito dell’affare Papastathopoulos. In mezzo a quel bel mucchio di fustacchioni, la mezzala per cui abbiamo da subito spasimato non c’era. Peccato.

Stesso anno, ma piena estate: agosto 2011, la Gazzetta ci parla di incroci di mercato: Cassano forse al Genoa in un giro in cui potrebbe rientrare – indovinate chi, dai – proprio lui: Kucka. Ma niente, un’estate fa non c’eri che tu, si torna al campionato.

Passa il tempo, ma il nostro cuore è sempre lì. Abbiamo provato a trovare dei succedanei, ma nulla: il nostro cagnaccio di turno, Nigel de Jong, fa crac, e a chi pensiamo per farci rimboccare le lenzuola la notte quando fuori tira il vento e nell’armadio c’è il mostro pronto a venirci a prendere? Proprio lui. Leggete l’esclusiva de ilSussidiario.net: “Matuzalem al Genoa porta Kucka in rossonero”. E’ il 12 dicembre 2012. Dai che forse realizziamo il nostro sogno. Dai. Manca poco. E invece nulla.

Anno nuovo, storia vecchia. Anno del Signore 2013.
Cristiano Ruiu, ilSussidiario.net, 24 marzo 2013: “Kucka nel mirino”.
La Gazzetta dello Sport, 17 maggio 2013: Alessio Cerci, Juraj Kucka e Andrea Poli, tre nomi per il Milan nelle prossime ore.
Corriere dello Sport, 21 agosto 2013: Calciomercato Milan, la Champions porta Sakho e Kucka”.
Cristian AmadeiIBTimes, 9 settembre 2013: “Calciomercato Milan. A gennaio Kucka e Astori in entrata”.
Gianluca Di Marzio, SkySport24, 21 novembre 2013: Nel mercato estivo si è spesso parlato di Kucka e visto che Niang andrà via per giocare non trascurerei un possibile scambio con il Genoa”.
Tuttosport, 6 dicembre 2013: “Kucka verso il Milan”.

Ma niente, sarà ancora un amore non realizzato quello tra il Milan e Kucka.

Nel luglio 2014 Tuttosport parla di possibile scambio Niang-Kucka. Nell’ottobre 2014 il Corriere dello Sport addirittura titola: “Il Milan vuole Khedira: idee Kucka e Cigarini. Un mese dopo su Calciomercato.com appare: “Milan, asse col Genoa per Perin e Kucka”. E occhio che anche un paio abbondante di mesi fa se ne continuava a dare notizia, anche col ritorno dei soldi in saccoccia a Galliani: “Milan-Genoa. Si parla di Kucka”. Si parla? Questa suona come quando porti fuori una ragazza una decina di volte, una a prendere il gelato, una a cena, una a fare un giro in bici, una al cinema, ma niente, non succede nulla. Cari miei innamoratoni che però avete bisogno di sgomitare e faticare per conquistare il cuore di una donna o di una mezzala slovacca, non disperate, perché anche i vostri sogni possono diventare realtà. Infatti, ecco a voi Juraj Kucka con addosso la maglia del Milan:

Twitterb42a0b3

In un mercato in cui si è speso tanto, benché, almeno finora, assai meno di quanto promesso, si poteva trovare un momento per gli affari di cuore? Certo che si poteva. Adriano ed Enrico pensano sempre al cuore dei rossoneri.

Sempre.

IL PROGRAMMA DELLA 2a GIORNATA

Sabato 29 agosto 2015
– ore 18:00: Bologna-Sassuolo
– ore 20:45: Milan-Empoli

Domenica 30 agosto 2015
– ore 18:00: Roma-Juventus
– ore 20:45: Atalanta-Frosinone
– ore 20:45: Carpi-Inter
– ore 20:45: Chievo-Lazio
– ore 20:45: Genoa-Verona
– ore 20:45: Napoli-Sampdoria
– ore 20:45: Torino-Fiorentina
– ore 20:45: Udinese-Palermo