Così piccoli e fragili – Sarà una squadra cattiva e cagionevole di salute, o, forse, più probabilmente, una squadra che ha iniziato a mettere a bilancio anche le sfighe fisiologiche di ogni stagione e a pagare le mancanze tecniche e della rosa. E’ di ieri, ad esempio, il comunicato del Milan che annuncia la lesione muscolare che terrà Alessio Romagnoli fuori dai campi per 2-3 settimane almeno. E’ l’ennesima mancanza in difesa che, unita alle squalifiche, ci costringerà a giocare con una linea a quattro piuttosto singolare composta da Abate, Zapata, Gomez e Vangioni – ma abbiamo visto Kucka terzino, quindi vai col liscio e becchiamoci pure sta roba qua, sperando che vada bene.

Dovrebbe andare in panchina Carlos Bacca: il nazionale colombiano è un giocatore che io mi sono spesso ritrovato a difendere, pur vedendone gli evidenti limiti soprattutto per quel che riguarda la tecnica e il gioco di squadra, ma le prestazioni recenti (e anche quelle non recenti) non possono che spingere l’allenatore a ripensarne l’utilizzo. Per questo motivo, quindi, pare che Gianluca Lapadula sia candidato a un posto da titolare. Io, invece, agirei in maniera diversa: proverei a convertire il Milan a un classico 4-4-2 (già usato per gran parte della scorsa stagione, tra l’altro), a forzare un po’ di più davanti e a smetterla con la girandola di centrocampisti, poiché quelli che abbiamo sono comunque di modesta caratura.

Gli avversari – Nel posticipo di lunedì sera andiamo a fare vista alla Lazio che, nella scorsa giornata, ha fatto scorpacciata di gol contro il Pescara, riprendendosi dall’uno-due subito in precedenza contro Juventus e Chievo. La squadra di Simone Inzaghi è sostanzialmente a ranghi completi, e l’unica preoccupazione è un problema al ginocchio accusato da Keita. Basta guardare la classifica e possedere le basi dell’aritmetica per capire le implicazioni di questa partita.

Le altre – Ieri sera il Napoli ha già portato a casa i tre punti, battendo per due reti a zero il Genoa. Tra le squadre nella nostra zona di classifica, l’Inter ospita a Milano l’Empoli dopo le polemiche della scorsa giornata e le relative squalifiche di Icardi e Perisic, mentre l’Atalanta va a Palermo e la Fiorentina ospita l’Udinese.

Da seguire – Buh, secondo me quella che a priori e sulla carta avrei consigliato come la partita più figa della giornata dopo quella del Milan, o almeno tecnicamente più interessante, è stata già giocata ieri, ha visto due gol e un Napoli sempre più lanciato. Oggi proverei a suggerire la probabile valanga gialorossa di gol in Crotone-Roma.

Da evitareSampdoria-Bologna, partita su cui, tra l’altro, mi sento di poter rischiare un pronostico abbastanza preciso, cioè la vittoria del Bologna.

IL PROGRAMMA DELLA 24a GIORNATA

Venerdì 10 febbraio 2017
– ore 20:45: Napoli-Genoa 2-0

Sabato 11 febbraio 2017
– ore 20:45: Fiorentina-Udinese

Domenica 12 febbraio 2017
– ore 12:30: Crotone-Roma
– ore 15:00: Inter-Empoli
– ore 15:00: Palermo-Atalanta

– ore 15:00: Sassuolo-Chievo
– ore 15:00: Torino-Pescara
– ore 18:00: Sampdoria-Bologna

– ore 20:45: Cagliari-Juventus

Lunedì 13 febbraio 2017
– ore 20:45: Lazio-Milan