37esimo e penultimo turno di campionato. Il Milan si gioca stasera una vera e propria finale per accedere alla Champions League; Juventus e Napoli escono vittoriose dagli scontri rispettivamente contro Inter e Fiorentina ma il pareggio in extremis del Crotone a Benevento salva matematicamente il Cagliari, il nostro avversario di stasera nel posticipo serale. Inutile fare calcoli, l’accesso alla massima competizione europea dipende solo da noi…

Nella partita di stasera i rossoneri cercano di seguire l’esempio del Milan femminile – che centra l’accesso alla Champions piazzandosi secondo in campionato – sfoggiando la nuova maglia ufficiale; ancora orfani di Zlatan (lo svedese ne avrà ancora per 6 settimane e salterà anche gli Europei con la nazionale svedese) Pioli s’affida, tra gli altri, a Bennacer e Tomori. Brahim Diaz e Rebic, dopo le due trasferte torinesi, ancora titolari. Il Milan non parte male ma non riesce a concretizzare dalla tre quarti in su; troppi i tentativi (vani) di sfondare per vie centrali. Poche le azioni di rilievo da parte dei nostri (tiro debole di Rebic al 6′, sassata di Saelemaekers con deviazione in corner di Cragno al 17′). Il Cagliari esce alla distanza a partire dalla mezz’ora: gli isolani ci schiacciano in area, ottenendo diversi angoli e rendendosi pericolosi in un paio di circostanze con Pavoletti…

Occorre fare molto di più per portare a casa i tre punti, soprattutto sul piano della mentalità, Nella ripresa sembra che si parta con maggiore convinzione (conclusioni di Rebic e del turco tra il 46′ ed il 47′, pressing del Diavolo intorno al 50′ e tre corner in rapida successione tra il 52′ ed il 53′) ma i nostri tendono a scoprirsi rischiando tantissimo, come per esempio al 53′ quando Gigio si fa trovare pronto sull’incornata di Pavoletti salvando il risultato. Il Milan s’affloscia e Donnarumma è ancora costretto a salire sugli scudi al 63′ sventando il colpo di testa di Godin. Solo nei 10′ finali si riprende a macinare gioco, ma senza creare palle gol così nitide. Le residue speranze di vittoria s’infrangono in pieno recupero su un bruttissimo tiro di Castillejo da fuori area…

CONSIDERAZIONI:

Dalle stelle alle stalle. Ora ci giochiamo un’intera stagione sul campo peggiore e un pareggio potrebbe non bastare. Ci si è complicati la vita in maniera assurda e ora si è arrivati a questa situazione. Se la mentalità è quella di stasera, lasciamo pure perdere qualsiasi tipo di velleità europea. La vedo malissimo…