Oliver Bierhoff in azione a Salerno nel 1998.

Non si gioca all’Arechi da oltre un ventennio, se non sbaglio: l’ultimo incontro del Milan in casa della Salernitana si svolse alla 2a giornata del campionato 1998/99, quello dello scudetto di Zaccheroni. Si trattava, quella rossonera, di una squadra ancora sperimentale: il portiere titolare era Jens Lehmann e sulla fascia sinistra Zac schierò Ibrahim Ba. Entrambe le squadre ebbero molte occasioni da rete, anche per via della loro vocazione offensiva, e i campani furono molto pericolosi (in particolare con Marco Di Vaio) ma lasciarono i tre punti ai nostri beniamini. Alla fine del torneo la Salernitana abbandonò la Serie A in maniera un po’ rocambolesca (un pareggio all’ultima giornata contro un Piacenza salvo) per tornarci solo quest’anno e in maniera altrettanto seppur diversamente rocambolesca (cioè grazie alle varie proroghe relative alla proprietà con relativo rischio di esclusione).

I nostri avversari di stasera, nel tentativo di risollevare le sorti della stagione (passata quasi tutta all’ultimo posto), hanno avuto un mercato invernale movimentato con gli ingaggi, assieme a quello di qualche immancabile nome esotico, di numerosi veterani della Serie A: giusto per fare alcuni nomi, Sepe in porta, Fazio e Radovanovic in fase difensiva, Verdi e Perotti in attacco. Io dubito che basteranno, ma sicuramente speriamo che non inizino a cambiare il corso delle cose già da stasera.

Per noi continua incredibilmente la nostra striscia di partite con un numero limitato di infortunati, tant’è vero che Pioli si è posto dei dubbi per alcuni ruoli: confermare Diaz sulla trequarti, ad esempio, o riciclare di nuovo Kessié in quel ruolo? Inoltre, sulla destra meglio Messias o Saelemaekers? Fatto sta che siamo ampiamente favoriti e questa è l’occasione migliore che abbiamo per sgranare un po’ il gruppo che ci insegue e continuare a mettere pressione all’Inter.

IL PROGRAMMA DELLA 26a GIORNATA

Venerdì 18 febbraio 2022
ore 20:45 – Juventus-Torino 1-1

Sabato 19 febbraio 2022
ore 15:00 – Sampdoria-Empoli
ore 18:00 – Roma-Verona
ore 20:45 – Salernitana-Milan

Domenica 20 febbraio 2022
ore 12:30 – Fiorentina-Atalanta

ore 15:00 – Venezia-Genoa
ore 18:00 – Inter-Sassuolo
ore 20:45 – Udinese-Lazio

Lunedì 21 febbraio 2022
ore 19:00 – Cagliari-Napoli

ore 21:00 – Bologna-Spezia