Zdenìk ZEMAN, cigaretaDammi tre punti, non chiedermi niente – Con la vittoria per 3-1 del Sassuolo sull’Empoli è iniziato ieri il turno infrasettimanale valido per la 9a giornata di Serie A. Il nostro Milan sarà in scena in quel di Cagliari dopo il noioso pareggio casalingo contro la Fiorentina e sono tre i dubbi che, a quanto sembra, riguardano la formazione. Il primo di questi riguarda il portiere titolare, visto che anche la scorsa giornata l’anziano bradipo Christian Abbiati è stato chiamato a difendere la nostra rete e Diego Lopez è stato relegato in panchina, benché disponibile. Il secondo vede tre giocatori – Alex, Rami e Zapata – per due posti in difesa, col colombiano (incerto in certi frangenti durante l’ultima partita giocata) più sicuro del posto rispetto agli altri due. Infine, la terza scelta ancora da prendere è sia di uomini che tattica: rimanere col falso nove oppure rispolverare la classica prima punta? E quindi: Ménez o Torres? L’unico reparto che mister Inzaghi non dovrebbe toccare è il centrocampo che, guarda tu il caso, è anche il più scarso di tutti, povero tecnicamente e con gente che corre un po’ a casaccio – io, ad esempio, Poli non lo posso vedere, per me è un giocatore da scartare e sostituire sul mercato al più presto.

Gli avversari – Beh, quando si incontrano le squadre del boemo si sa già cosa si avrà di fronte: tipico 4-3-3 super offensivo, con difesa alta e penetrabile e squadra propensa al gioco d’attacco – un mix che, quando riesce, rende le squadre allenate da Zdenek Zeman spettacolari e protagoniste di partite con molti gol, come nel trionfo per 4-1 a San Siro contro l’Inter. Nel centrocampista Ekdal il Cagliari ha trovato un piccolo e inaspettato bomber, almeno a vedere le statistiche (4 gol finora, nelle sue precedenti sei stagioni in A ne aveva segnati complessivamente 5); suggerirei, inoltre, di tenere d’occhio due giocatori: il veloce Ibarbo, che sulla sua fascia incontrerà lo spaesato De Sciglio che abbiamo visto ultimamente e la cosa non mi lascia tranquillo, e il terzino sinistro Avelar.

Le altre – Le due squadre che al momento ci separano dal terzo posto, Udinese e Sampdoria, sono entrambe impegnate in due trasferte impegnative, a Firenze e a Milano. La banda di Macinascroti – alllenatore che io, onestamente, immagino come una sorta di Ambra Angiolini teleguidato da un Gianni Boncompagni di nome Francesco Guidolin – dovrebbe tentare un leggero turnover contro la squadra viola, che perde Mati Fernandez ma recupera, almeno tra i convocati, Mario Gomez. Cacciatore rientra dalla squalifica per la Sampdoria. Mazzarri ripropone bidon Vidic al centro della difesa, e allora popcorn!

Da seguireRoma-Cesena, perché secondo me in questa partita i giallorossi si sveglieranno e faranno vedere belle cose e tanti gol, dopo i recenti passi falsi e capitomboli.

Da evitare – Mah, forse Palermo-Chievo.

IL PROGRAMMA DELLA 9a GIORNATA

Martedì 28 ottobre
– ore 20:45: Sassuolo-Empoli 3-1

Mercoledì 29 ottobre
– ore 20:45: Atalanta-Napoli
– ore 20:45: Cagliari-Milan
– ore 20:45: Fiorentina-Udinese
– ore 20:45: Genoa-Juventus
– ore 20:45: Inter-Sampdoria
– ore 20:45: Palermo-Chievo
– ore 20:45: Roma-Cesena
– ore 20:45: Torino-Parma

Giovedì 30 ottobre
– ore 20:45: Verona-Lazio